Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente mobbing se le condotte avvengono a distanza di anni

Gli episodi devono essere sistematici, ripetuti nel tempo e collegati tra loro da un medesimo intento persecutorio
burocrazia carteggio stress mobbing

di Valeria Zeppilli – Affinché possa parlarsi di mobbing, è necessario che le condotte del datore di lavoro in danno del proprio dipendente siano persecutorie, sistematiche e ripetute in un arco di tempo breve.

Per la sezione lavoro della Corte di cassazione, come si evince dalla sentenza numero 28098/2017 del 24 novembre (qui sotto allegata), non è possibile contestare al datore dei singoli episodi che sono avvenuti a distanza di anni.

La vicenda

Sulla base di tale considerazione, i giudici hanno respinto le doglianze di un lavoratore che chiedeva il risarcimento del danno da mobbing in ragione dell'esercizio del potere disciplinare da parte del datore di lavoro che, a suo dire, sarebbe stato caratterizzato da modalità contestabili e da un' inusitata frequenza.

In realtà, però, si trattava di quattro episodi circoscritti tra giugno e ottobre 2005 e distaccati nel tempo sia dalle due ulteriori contestazioni disciplinari dell'ottobre 2003 che dalla contestazione, non seguita da sanzione, del novembre 2006 e da quella, dichiarata giudizialmente illegittima, del settembre 2007.

Per la Corte ci si trova, quindi, di fronte a episodi "sforniti del carattere della sistematicità, della durata dell'azione e non collegati tra loro da un medesimo intento persecutorio" e, in quanto tali, inidonei a configurare mobbing.

I parametri del mobbing

Manca, infatti, almeno uno dei quattro parametri richiesti per potersi parlare di mobbing lavorativo, che sono stati individuati dalla giurisprudenza nei seguenti:

  • una serie di comportamenti di carattere persecutorio posti in essere contro la vittima, con intento vessatorio, in modo miratamente sistematico e prolungato,
  • la lesione della salute, della personalità o della dignità del dipendente,
  • il nesso eziologico tra le condotte e il pregiudizio,
  • l'intento persecutorio unificante tutti i comportamenti lesivi.

Leggi anche: "Mobbing: il risarcimento in quattro punti"

Corte di cassazione testo sentenza numero 28098/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(30/11/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Avvocati: fino a tremila euro per la formazione
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF