Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi

Il silenzio del condominio ostacola il creditore nella tutela delle proprie ragioni
lista con buoni e cattivi
di Lucia Izzo - L'amministratore deve comunicare i dati dei cond˛mini morosi ai creditori insoddisfatti altrimenti, se non ottempera, rischia di pagare una "penale" per ogni mese di ritardo. Lo ha stabilito il Tribunale di Roma (Giudice relatore Bertuzzi) con un'ordinanza del 1░ febbraio 2017 (qui sotto allegata).

Il Tribunale capitolino ha combinato l'art. 63 delle disposizioni di attuazione al Codice civile con l'istituto introdotto dall'art. 614-bis c.p.c. a partire dalla novella del 2009. Secondo tale norma, il giudice, con il provvedimento di condanna all'adempimento di obblighi diversi dal pagamento di somme di denaro, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall'obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell'esecuzione del provvedimento.

La norma, introdotta dalla legge 69/2009, prevede uno strumento di coercizione indiretta al fine di incentivare l'adempimento spontaneo degli obblighi che non risultano facilmente coercibili. Nel caso in esame, la norma ha trovato applicazione nel caso di inadempimento dell'amministratore di condominio che omette di comunicare ai creditori i dati dei cond˛mini morosi.

Nel caso di specie, il condominio era stato condannato al pagamento di una somma, ma non aveva mai provveduto a versare quanto dovuto e non aveva altresý dato riscontro alla richiesta del creditore di consegnare l'elenco dei condomini morosi e delle quote dovute da ciascuno di essi ha chiesto.

Da qui il ricorso all'autoritÓ giudiziaria affinchÚ, ex art. 614-bis c.p.c., condannasse il condominio alla comunicazione delle generalitÓ dei condomini morosi in relazione al credito e la quota di debito dagli stessi singolarmente dovuta in base alle tabelle millesimali.

Il silenzio dell'amministratore ostacola il creditore

Il giudice, nel ritenere la fondatezza del ricorso, ha evidenziato che ai sensi dell'art. 63 disp. att. cod. civ., il condominio, e per esso il suo amministratore, ha l'obbligo di comunicare al proprio creditore insoddisfatto i dati dei condomini morosi nel pagamento dei contributi condominiali relativi al credito stesso.

Nella specie, il condominio convenuto non ha provato di avervi provveduto nÚ che di tali dati la societÓ creditrice fosse comunque a conoscenza, tenuto conto che la corrispondenza prodotta ai riguardo dalla parte resistente Ŕ apparsa palesemente inidonea a indicare la quota di debito a carico dei singoli condomini.

Il silenzio dell'amministratore rappresenta un comportamento che ostacola il creditore nella tutela del proprio credito legittimo. Circostanza che rende meritevole di accoglimento anche la richiesta della societÓ ricorrente tesa a fissare, ai sensi dell'art. 614 bis c.p.c., una "penale" a carico dell'obbligato per l'eventuale ritardo nella esecuzione di tale condanna.

Somma che, come previsto dalla legge, ossia tenuto conto del valore della controversia, dell'ammontare del credito, nella natura della prestazione, del danno quantificato o prevedibile e di ogni altra circostanza utile, nel caso di specie viene determinata in euro 2.000,00 per ogni mese di ritardo successivo a quello decorrente dalla data di notifica del provvedimento

Tribunale di Roma, ord. 1 febbraio 2017
(28/04/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF