Sei in: Home » Articoli

Diritti per i padri separati: lanciata la petizione

Al via su Change.org la petizione per i diritti dei padri separati diretta al Dipartimento delle pari opportunità
padre divorziato che mette le sue cose in macchina

di Redazione - "Nonostante la legge sul divorzio sia ormai datata agli anni '70, e nonostante qualche scialbo tentativo di modifica nel 2006 con il cosiddetto 'affido condiviso', le condizioni socio-economiche dei padri separati sono ancora umilianti". Inizia così la petizione lanciata su Change.org per i diritti dei padri separati che, in pochi giorni, ha già raccolto oltre 2mila firme.

Un appello, rivolto al dipartimento delle pari opportunità e alla magistratura, per dire "No ai giudici che continuano con sentenze disumane" che impongono "il mantenimento ai padri anche se sono disoccupati o in precarie condizioni lavorative" senza considerare "la capacità reddituale della madre" o "incredibilmente anche se la – stessa – percepisce salari maggiori del padre".

Ma non solo. Ad essere oggetto di critica sono anche le decisioni che "non concedono giuste quantità di tempo ai padri separati per stare coi figli". La percentuale di padri eletti "affidatari principali", si legge infatti nel testo, "è ancora ridicola (attorno al 5%) e non per mancata volontà degli stessi ma per pregiudizio culturale strettamente italico che vede la madre suprema figura educativa per i piccoli".

Da qui l'appello a far finire "queste ingiustizie sociali" nei confronti degli uomini e ad abolire "il concetto che una pessima madre è preferibile a un ottimo padre".

(03/02/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Danno parentale: la nuova tabella di Milano
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Le indagini del pubblico ministero
» Praticanti avvocati: da settembre le nuove regole
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss