Sei in: Home » Articoli

Sabbia e conchiglie per ricordo? Si rischia una multa salata

Il Codice della Navigazione stabilisce il divieto di asportare sabbia, ciottoli e conchiglie dai litorali italiani
secchiello con conchiglie sulla sabbia
di Lucia Izzo - Dopo una splendida vacanza al mare, molti turisti non si accontentano di portare con sé i ricordi dell'esperienza vissuta. Foto e video racchiudono i momenti, ma un bel souvenir serve a rammentare in concreto quanto sia stata bella la villeggiatura, soprattutto se si tratta di una conchiglia raccolta sulla battigia, di un ciottolo dal colore particolare o, addirittura, di una manciata di sabbia.

Ciononostante, l'affascinato turista farà bene a prestare attenzione, perché il confine con l'illegalità è alquanto labile, come dimostrano le continue segnalazioni provenienti da tutta Italia e, soprattutto, dalla splendida Sardegna.

Il Codice della Navigazione all'art. 1162 (Estrazione abusiva di arena o altri materiali) stabilisce che "Chiunque estrae arena, alghe, ghiaia o altri materiali nell'ambito del demanio marittimo o del mare territoriale ovvero delle zone portuali della navigazione interna, senza la concessione prescritta nell'articolo 51, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.549,00 a euro 9.296,00".

L'abusiva esportazione dei materiali del demanio marittimo devasta i litorali provocando un enorme danno all'ecosistema. Va precisato che per demanio marittimo, ex art. 28 del Codice della navigazione, si intendono lidi, spiagge, porti, rade, lagune, foci di fiumi che sboccano in mare e bacini di acqua salmastra, che sono, quindi, di proprietà dello Stato. 

Spesso, tuttavia, sono le ordinanze delle Capitanerie di Porto a corroborare il dato legislativo precisando i comportamenti vietati, spesso sconosciuti all'incauto bagnante.
Se cogliere in flagrante il trasgressore è spesso difficoltoso negli stabilimenti balneari e nelle spiagge libere, è difficile, invece, sfuggire ai controlli di sicurezza, in particolar modo negli aeroporti, dove sono stati intensificati.

Allo scalo di Cagliari Elmas, ad esempio, si contano sempre più turisti fermati e trovati con valigie colme di bottigliette contenenti la sabbia e i ciottoli dei litorali Sardi, oppure con trolley pieni di conchiglie che potrebbero arricchire gli acquari di casa a discapito dell'arenile nostrano.
Inutile per l'incauto turista/predatore riferire di non sapere nulla del divieto di asportazione: a causa del prelievo illegale di sabbia, ciottoli e conchiglie, non resta che pagare la sanzione elevata dalle forze dell'ordine, che poi provvederanno a riportare al proprio posto i tesori che l'ambiente ha creato nei secoli. 
(10/08/2016 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF