Imu, Tasi e altre tasse: giovedì è il tax day

Il Fisco, in questa occasione, dovrebbe incassare circa quaranta miliardi di euro
commercialista scontrino tasse professionista

di Valeria Zeppilli – Ecco che arriva, giovedì 16 giugno 2016, il tanto temuto "tax day".

Il Fisco, in questa occasione, dovrebbe incassare circa quaranta miliardi di euro, dato che sono chiamati all'appello sia i contributi e le imposte del modello unico 2016 (visto che la richiesta di proroga avanzata dai commercialisti sembra essere naufragata) che, in particolare, l'Imu e la Tasi.

Nonostante l'esenzione prevista con riferimento a queste ultime per la prima casa, infatti, il denaro che si sposterà a tale titolo dalle tasche dei cittadini a quelle dello Stato è davvero tanto, se solo si pensa che sono oltre venticinque milioni i proprietari degli immobili che non sono toccati dall'esenzione e che giovedì dovranno pagare un acconto complessivo di più di dieci miliardi di euro.

Non solo ricchi proprietari di ville o di case al mare, ma anche comuni cittadini che possiedono una seconda pertinenza dell'abitazione principale, come ad esempio una cantina o un garage.

Fortunatamente per il 2016 c'è anche il blocco delle aliquote, con la conseguenza che queste, pur non avendo subito i (pur possibili) ribassi, non sono comunque state innalzate: l'aliquota media per le seconde case è del 10,53 per mille mentre il costo medio dell'imposta di 1.070 euro (pur se non mancano casi in cui tale cifra è superata anche di molto).

Considerando che la stragrande maggioranza dei soggetti tenuti al pagamento di Imu e Tasi è rappresentata da lavoratori dipendenti o pensionati (ben oltre il 70%), le cifre da sborsare aumentano e i quaranta miliardi si raggiungono facilmente.

I commercialisti sono in affanno e i contribuenti anche, ma ormai non è più possibile rinviare.


Leggi anche: "Prima casa: chi paga IMU e TASI il 16 giugno?"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/06/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss