L'acquisto del diritto di abitazione comporta anche l'acquisto della soggettività passiva per il pagamento delle imposte sull'immobile
rappresentazione grafica della scritta tax

di Valeria Zeppilli - I contribuenti molto spesso devono confrontarsi con numerosi interrogativi in materia di versamento delle imposte. Comprendere chi è tenuto a pagare cosa e quando deve farlo, infatti, non sempre è così semplice. Ad esempio: in caso di decesso del proprietario dell'immobile chi è astrattamente tenuto a pagare l'Imu e la Tasi? A molti sarà capitato di porsi questa domanda e, in effetti, la risposta non è scontata.

Specie se a morire sono un marito o una moglie.

Come noto, infatti, il coniuge superstite, al decesso dell'altro, acquista il diritto di abitazione sulla casa (si badi bene) di proprietà del defunto o in comproprietà con quest'ultimo, che sino a quel momento era adibita a residenza familiare.

La peculiarità di tale circostanza è che il coniuge che diviene titolare del diritto di abitazione diviene anche il soggetto passivo delle predette imposte gravanti sugli immobili.

Ma i casi in cui la soggettività passiva di Imu e Tasi è peculiare non finiscono qui.

A quello appena visto, infatti, si affianca il caso in cui il coniuge superstite acquisisca a qualsiasi titolo il diritto di usufrutto della casa adibita a residenza familiare che non era di proprietà del defunto o in comproprietà di marito e moglie, ma apparteneva ai figli.

Se manca l'usufrutto, però, in tale ipotesi a dover astrattamente pagare le imposte sono proprio i figli.

Occorre da ultimo sottolineare che, nell'analizzare queste problematiche, più volte si è usato il termine "astrattamente" per evitare di far passare inosservata una circostanza che invece, in argomento, merita particolare attenzione: da quest'anno, infatti, Imu e Tasi sulla prima casa non si pagano e il problema assume una rilevanza decisamente minore! (leggi: "Prima casa: chi paga Imu e Tasi il 16 giugno?").

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: