Sei in: Home » Articoli

Niente infortunio in itinere se il dipendente devia dal tragitto più breve

Per il Tribunale di Firenze, in simili ipotesi il risarcimento scatta solo se la deviazione dipende da cause di forza maggiore o esigenze improrogabili
invalidità danno infortunio frattura
di Valeria Zeppilli – Come noto, l'assicurazione obbligatoria dell'Inail tutela il lavoratore non solo dagli infortuni che lo vedono coinvolto quando si trova sul luogo di lavoro, ma anche da quelli nei quali egli rimanga vittima durante il normale tragitto di andata e ritorno tra l'abitazione e il luogo di lavoro. In tale secondo caso si parla, generalmente, di infortunio in itinere.

La concreta indennizzabilità dell'infortunio in itinere, tuttavia, non sempre è chiara e spesso è definita nelle aule di giustizia.

Recentemente, ad esempio, il Tribunale di Firenze, con la sentenza numero 2/2016, ha chiarito che se il percorso che il lavoratore ha seguito per tornare a casa dal lavoro non è quello più breve, egli non ha diritto ad essere risarcito per l'infortunio eventualmente subito a meno che la deviazione non sia dipesa da cause di forza maggiore o esigenze improrogabili.

Se poi per compiere il percorso era possibile utilizzare il mezzo pubblico e non l'auto privata, l'esclusione dell'infortunio in itinere è incontestata.

Nel caso di specie, una dipendente pretendeva di essere risarcita dall'Inail per i danni subiti dopo essere caduta scendendo dalla propria autovettura nel tragitto verso casa.

Tuttavia, mancavano sia la prova della patologia che avrebbe costretto la dipendente a raggiungere la propria abitazione con l'utilizzo di un mezzo privato, che la prova che la stessa ricorrente fosse effettivamente alla guida del veicolo.

Peraltro, gli orari dei servizi pubblici per andare a lavoro e tornare a casa erano compatibili con le esigenze della donna.

Senza considerare che il luogo in cui si era verificato l'infortunio rappresentava una deviazione dal tragitto indipendente dal lavoro e non necessaria. O meglio: non connessa a cause di forza maggiore o esigenze eccezionali e improrogabili o all'adempimento di obblighi penalmente rilevanti.

Le doglianze della dipendente non possono dunque trovare accoglimento: il suo infortunio non rientra tra quelli che l'Inail indennizza.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/04/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF