Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo il licenziamento del lavoratore che falsamente attribuisce al datore di lavoro una condotta violenta

giudice sentenza martello
E' da ritenersi legittimo il licenziamento del lavoratore che falsamente attribuisce al datore di lavoro una condotta violenta denunciata come infortunio sul lavoro. E' quanto afferma la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24138 del 29 novembre 2010, in relazione ad una vicenda che vede protagonista una lavoratrice che, dopo essere stata ripetutamente invitata dal datore di lavoro a tornare nella propria posizione lavorativa (dalla quale si era allontanata senza autorizzazione), accompagnando infine l'invito col prenderla per un braccio, finge di aver subito percosse tali da denunciare un infortunio sul lavoro. La lavoratrice domandava al Tribunale prima e alla Corte d'Appello poi l'annullamento del licenziamento disciplinare intimatole dal datore di lavoro; avverso le decisioni dei giudici di merito, che rigettavano la sua richiesta, proponeva ricorso in Cassazione lamentando l'illogicità e la contraddittorietà della motivazione. La Suprema Corte, rigettando il ricorso, precisa come la Corte d'Appello abbia ritenuto che il licenziamento fosse tempestivo e sostenuto da giusta causa, accertando la fondatezza della contestazione di aver falsamente attribuito al datore di lavoro una condotta violenta denunciata come infortunio sul lavoro.
La ricostruzione dei fatti svolta dalla Corte territoriale smentisce l'ipotesi di vere e proprie percosse (nel senso corrente del termine) gravi, tali cioè da determinare un'assenza per malattia e anzi connota il comportamento contestato alla lavoratrice come di intenzionale o comunque gravemente colposa drammatizzazione e manipolazione della vicenda.
(01/12/2010 - L.S.)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF