Sei in: Home » Articoli

Cassazione: via libera alle ingiurie se per difendere il posto di lavoro

Se c'è bisogno di difendere il proprio posto di lavoro è possibile utilizzare toni ed espressioni “sopra le righe” senza per questo incorrere nel reato di ingiuria. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione (Sentenza n. 37104/2008) spiegando che nel caso in cui sono in ballo ''temi di capitale importanza'' il fatto non può considerarsi illecito. La Corte ha così annullato una condanna per ingiuria inflitta da un giudice di pace ad un infermiere che aveva dato della bugiarda ad una signora. La donna infatti lo aveva rimpiazzato con un altro infermiere ritenendo il suo servizio insufficiente.
Secondo la Cassazione l'utilizzo di toni “elevati” e normalmente ingiuriosi diventa lecito se detti nel contesto di discussioni di capitale importanza . Tra i due protagonisti della vicenda era nato un contrasto verbale piuttosto acceso in relazione alle modalita' con cui era stato eseguito l'incarico di infermiere nei riguardi del marito della parte offesa. La signora aveva ritenuto insufficiente il servizio prestato e si era rivolta ad un altro infermiere. Sentendosi rimpiazzato, l'uomo per tutelare il suo lavoro le aveva dato della “bugiarda” ed il caso è finito davanti al Giudice di Pace. Contro la condanna l'infermiere ha fatto ricorso in Cassazione spiegando che non c'era valenza offensiva nell'espressione utilizzata per difendere il proprio posto di lavoro. Gli Ermellini gli hanno dato ragione annullando la sentenza.
Altre informazioni sulla motivazione di questa sentenza
(02/10/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF