Sei in: Home » Articoli

Cassazione: via libera alle ingiurie se per difendere il posto di lavoro

Se c'è bisogno di difendere il proprio posto di lavoro è possibile utilizzare toni ed espressioni “sopra le righe” senza per questo incorrere nel reato di ingiuria. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione (Sentenza n. 37104/2008) spiegando che nel caso in cui sono in ballo ''temi di capitale importanza'' il fatto non può considerarsi illecito. La Corte ha così annullato una condanna per ingiuria inflitta da un giudice di pace ad un infermiere che aveva dato della bugiarda ad una signora. La donna infatti lo aveva rimpiazzato con un altro infermiere ritenendo il suo servizio insufficiente.
Secondo la Cassazione l'utilizzo di toni “elevati” e normalmente ingiuriosi diventa lecito se detti nel contesto di discussioni di capitale importanza . Tra i due protagonisti della vicenda era nato un contrasto verbale piuttosto acceso in relazione alle modalita' con cui era stato eseguito l'incarico di infermiere nei riguardi del marito della parte offesa. La signora aveva ritenuto insufficiente il servizio prestato e si era rivolta ad un altro infermiere. Sentendosi rimpiazzato, l'uomo per tutelare il suo lavoro le aveva dato della “bugiarda” ed il caso è finito davanti al Giudice di Pace. Contro la condanna l'infermiere ha fatto ricorso in Cassazione spiegando che non c'era valenza offensiva nell'espressione utilizzata per difendere il proprio posto di lavoro. Gli Ermellini gli hanno dato ragione annullando la sentenza.
Altre informazioni sulla motivazione di questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/10/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF