Sei in: Home » Articoli

Finanziaria: estratto delle disposizioni in materia di lavoro

I Comuni con proprio regolamento da pubblicare nel sito di cui al decreto 31.5.02 possono variare l'aliquota sino allo 0,8 per cento. Nel medesimo regolamento possono essere stabilite soglie di esenzione. L'imposta è dovuta in relazione al domicilio fiscale alla data del 1° gennaio dell'anno cui si riferisce l'addizionale stessa . Per i redditi di lavoro dipendente l'acconto, nella misura del 30 per cento, è determinato dal sostituto d'imposta e trattenuto in nove rate a decorrere dal mese di marzo. Il saldo è determinato in sede di conguaglio e trattenuto in undici rate e comunque entro il mese di dicembre.
In caso di cessazione del rapporto di lavoro l'addizionale residua dovuta è prelevata in unica soluzione. L'importo da trattenere e quello trattenuto sono indicati nel CUD. L'imposta, dal 2007, è versata direttamente ai comuni. Le attività di accertamento e riscossione sono assegnate ai comuni. Finanziaria 2007. Estratto delle disposizioni in materia di lavoro (Rag. Angelo Vitale) LaPrevidenza.it,
Elaborato dal Rag. Angelo Vitale - Studio Vitale & Associati
(19/02/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: è compatibile con la pensione di reversibilità?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Vaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multaVaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multa
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Cassazione: Il giudizio di responsabilità del magistrato proposto dalla parte non integra motivo di ricusazione
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF