Sei in: Home » Articoli

Mobbing e divieto di nova in appello: quando nuovi fatti sopravvengono in corso di causa

mobbing id9589

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, sentenza n. 23949 del 22 ottobre 2013. Per mobbing si intende una condotta del datore di lavoro o del superiore gerarchico, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell'ambiente di lavoro, che si risolve in sistematici e reiterati comportamenti ostili che finiscono per assumere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica, da cui può conseguire la mortificazione morale e l'emarginazione del dipendente, con l'effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza 22 ottobre 2013, n. 23949.

Essenziale è però provare la condotta persecutoria del datore di lavoro, e soprattutto, affinché venga risarcito il danno patito, i fatti successivi all'evento iniziale devono sempre essere ricondotti alla domanda principale del giudizio. Non è possibile, come nel caso di specie, formulare in appello domande nuove per ottenere il risarcimento del danno per fatti diversi rispetto a quelli contestati in primo grado; occorre, al contrario, incardinare un nuovo giudizio. E' quindi inammissibile la domanda, rispetto a quella originariamente proposta al primo giudice del merito, fondata su circostanze non comparse in primo grado e sulle quali non si è validamente costituito contraddittorio. Nè tali domande possono essere introdotte ex novo in corso di causa, posta l'operatività delle preclusioni di cui all'art. 167 codice di procedura civile.


Vai al testo della sentenza 23949/2013
(29/10/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF