Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'accertamento con adesione non costituisce prova nel processo tributario

tasse evasione commercialista fisco elusione

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione Penale, sezione terza, sentenza n. 17706 del 18 Aprile 2013. L'accertamento con adesione è uno strumento previsto nel nostro ordinamento che permette al contribuente, a seguito di controllo, di richiedere al fisco di accertare l'entità delle imposte a suo carico al fine di provvedere al saldo. Esso è un vero e proprio accordo che si viene a creare tra fisco e contribuente, evitando a quest'ultimo di subire un procedimento tributario. L'accertamento con adesione permette altresì al contribuente di godere della diminuzione di 1/3 della sanzione amministrativa accertata.

Per beneficiare di tali effetti è onere dello stesso presentare apposita istanza all'Agenzia delle Entrate e procedere al saldo dell'importo dovuto. Si tratta di una sorta di ravvedimento operoso del contribuente debitore la cui attività sia oggetto di controlli da parte degli organismi fiscali di vigilanza.

Nel caso in cui il contribuente risulti successivamente insolvente, allora potrà essere legittimamente incardinato il relativo processo tributario. La Suprema Corte tuttavia interviene per sottolineare come l'accordo posto in essere tra contribuente ed erario non sia di per sé idoneo a fungere da prova ai fini della determinazione del quantum di imposta evasa, né come elemento di valutazione della punibilità del debitore. Esso rileva esclusivamente ai fini di applicazione di un'attenuante speciale. Per determinare l'entità complessiva dell'imposta dovuta il giudice dovrà utilizzare gli ordinari strumenti processuali a disposizione sua e delle parti.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/04/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF