Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo il licenziamento del dipendente che svolge altro lavoro quando è in malattia

lavoro lavoratore licenziamento strada
La Corte di Cassazione, con sentenza 26 settembre 2012, n. 16375, rigetta il ricorso del lavoratore già condannato dalla Corte d'Appello e dal Tribunale per licenziamento disciplinare. Il lavoratore aveva ripetutamente svolto attività lavorativa quale addetto alla sicurezza presso alcune discoteche locali mentre si trovava in congedo per ragioni di salute, per questo motivo la società per cui lavorava lo aveva licenziato. Il Tribunale aveva ritenuto il licenziamento legittimo sia sotto il profilo della proporzionalità tra la sanzione e la condotta illecita sia sotto il profilo della tempestività della contestazione. Il lavoratore aveva eccepito a sua discolpa che non potevano sorgere dubbi sul suo effettivo stato di malattia e che il lavoro in discoteca si era protratto per un solo giorno.
La sua assenza non poteva, comunque, recare danno all'attività aziendale.

La giurisprudenza di legittimità si è pronunciata più volte sull'argomento, affermando che "non sussiste nel nostro ordinamento un divieto assoluto per il dipendente di prestare attività lavorativa, anche a favore di terzi, durante il periodo di assenza per malattia.

Siffatto comportamento può, tuttavia, costituire giustificato motivo di recesso da parte del datore di lavoro ove esso integri una violazione dei doveri generali di correttezza e buona fede e degli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà. Ciò può avvenire quando lo svolgimento di altra attività lavorativa da parte del dipendente assente per malattia sia di per sé sufficiente a far presumere l'inesistenza dell'infermità addotta a giustificazione dell'assenza, dimostrando quindi la sua fraudolenta simulazione, o quando l'attività stessa, valutata in relazione alla natura ed alle caratteristiche della infermità denunciata ed alle mansioni svolte nell'ambito del rapporto di lavoro, sia tale da ritardare o pregiudicare, anche potenzialmente , la guarigione e il rientro in servizio del lavoratore, con violazione di un'obbligazione preparatoria e strumentale rispetto alla corretta esecuzione del contratto."

Inoltre, nel caso di specie, lo svolgimento da parte del lavoratore, assente per malattia, dell'altra attività lavorativa, valutata in relazione alla natura dell'infermità e delle mansioni svolte, poteva pregiudicare o ritardare la guarigione ed il rientro in servizio e costituiva violazione dei doveri generali di correttezza e buona fede e di conseguenza giustificava il recesso del datore di lavoro.
Per questi motivi la Cassazione respinge il ricorso, confermando la sentenza impugnata.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/09/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF