Responsabilità medica: se il danno 'iatrogeno' è inesistente, per il paziente scatta la lite temeraria

Il Tribunale di Padova ha condannato il paziente a pagare (tra danni e spese) quasi 48mila euro a medico e struttura
medico scrive

di Marina Crisafi – Circa 48mila euro. A tanto ammonta la somma che un paziente dovrà corrispondere al medico curante e all'azienda ospedaliera per averli trascinati in una lite temeraria, lamentando un danno iatrogeno non dimostrato e clamorosamente smentito dalle perizie nel corso del procedimento.

Lo ha deciso il Tribunale di Padova, con la recente sentenza n. 835/2015 (qui sotto allegata), rigettando il ricorso di un uomo che lamentava l'imprudente prescrizione di una terapia farmacologica destinata a curare una patologia oculistica che aveva finito per procurargli danni permanenti ai reni. L'uomo, in particolare, sosteneva di essere stato “incredibilmente” privato della corretta informazione sulla pericolosità del farmaco e che, probabilmente, ove fosse stato correttamente informato, non avrebbe accettato il rischio di assumerlo, chiedendo, pertanto, un risarcimento di oltre mezzo milione di euro.

Ma il tribunale gli dà torto.

È vero che il consenso informato, ha affermato il giudice padovano, richiamando la giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 2847/2010), “costituisce un valore in sé, un diritto che svolge la funzione di sintesi dei due diritti fondamentali della salute e all'auto-determinazione – e che – ogni persona ha diritto a essere informata in ordine alla natura e ai possibili sviluppi dell'atto terapeutico cui è sottoposta e delle eventuali terapie alternative”, ma è altrettanto vero che è il paziente “che deve dimostrare anche attraverso presunzioni che, ove correttamente informato, avrebbe rifiutato l'intervento (nesso fra inadempimento e danno)”.

Posto che il rapporto rischi/benefici, deponeva a favore del (peraltro unico data l'assenza di terapie alternative) percorso terapeutico suggerito, e che la ricostruzione dell'attore sulle ragioni per cui aveva sospeso l'assunzione del farmaco (disattendendo le prescrizioni mediche) è stata smentita dalle operazioni peritali e che l'istruttoria ha escluso in maniera “macroscopica” il danno iatrogeno e la colpa del medico curante, “non si ritiene che la prova sia stata fornita”.

Anzi, a fronte delle allegazioni meramente infondate (relative all'insussistente macroinvalidità causata dal professionista, a supposti errori di diagnosi e esami di laboratorio, a gravi responsabilità derivanti da un'inopinabile negligenza del medico curante, determinata addirittura dalla mancata lettura del foglietto delle avvertenze del farmaco) portate a sostegno di una temeraria richiesta di risarcimento di oltre mezzo milione di euro, oltre alla prosecuzione della causa in mancanza di argomenti tecnici per ribattere alle conclusioni dei CTU e senza nemmeno depositare una comparsa conclusionale, il tribunale ha ravvisato quantomeno una colpa grave dell'attore, sanzionabile d'ufficio ex art. 96, comma 3, c.p.c. E considerando l'entità del risarcimento richiesto e le spese processuali liquidabili ha determinato equitativamente la somma prevista dalla disposizione del codice di rito, per scoraggiare e sanzionare l'abuso del diritto, in euro 10mila per ciascuna delle parti convenute, oltre a quasi 28mila euro per le spese giudiziali.

Tribunale Padova, sentenza n. 835/2015
(29/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF