Nel corso di una riunione tenuta ieri, gli esperti hanno dato parere positivo agli interventi anticrisi studiati in relazione ai diversi settori e alle diverse realta' territoriali. I correttivi per adeguare gli studi di settore alla situazione economica che si è registrata nel 2009 interessano diversi ambiti che vanno dal commercio ai servizi, dalle professioni al manifatturiero e riguardano l'analisi di normalita' economica per i soggetti che presentano una riduzione dei ricavi o dei compensi. Le linee di azione, come si spiega in un comunicato dell'agenzia di stampa Adnkronos, sono sostanzialmente tre. La prima è quella che incide sulla durata delle scorte e la rotazione del magazzino, tenendo conto di merci e prodotti invenduti a seguito della contrazione delle vendite.
La seconda prevede un intervento costituito dai ''correttivi congiunturali di settore'' relativi a tutti i soggetti non congrui. In sostanza si introduce un fattore di correzione applicato al singolo modello organizzativo, considerando la contrazione dei margini e il minor utilizzo degli impianti, per le imprese. Per i professionisti che operano a prestazioni, l'intervento tiene conto del possibile aumento del peso degli acconti sul totale dei compensi. La terza riguarda i ''correttivi congiunturali individuali'' e interessa i soggetti non congrui che presentano una riduzione dei ricavi o dei compensi dichiarati. In questo caso, i coefficienti congiunturali strutturali e territoriali vanno a cogliere il grado di crisi registrato dal singolo soggetto. Questi nnuovi correttivi, si legge nel comunicato Adnkronos "saranno tradotti da Sose in specifiche tecniche che saranno trasferite a breve a Sogei per la predisposizione della versione aggiornata del software Gerico 2010, da utilizzare per le prossime dichiarazioni dei redditi".
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: