Sei in: Home » Articoli

Certificato di malattia per un solo giorno: LaPrevidenza.it promotore del cambio marcia ministeriale

Avevamo ragione! Per primi (passateci l'espressione), o almeno tra i primi siamo stati quelli che hanno capito che la Direttiva ministeriale era da ritenersi illegittima. Il 29 maggio scorso questo Osservatorio pubblicava l'articolo del Dott. Mauro Di Fresco, responsabile dell'Ufficio legale sindacale nazionale del comparto università UGL dal titolo "Certificato per un solo giorno di malattia". Nell'articolo il giurista rilevava l'illegittimità costituzionale della Direttiva Ministeriale numero 8 del 6/12/2007 nella parte in cui disciplinava l'istituto della malattia in quanto la fonte normativa qui scelta dal legislatore non era appropriata per la natura della materia disciplinata. In risposta dell'articolo de quo, avevdo avuto grande eco, il governo ha ribadito sul D.L. n. 112 del 25/6/2008 la stessa disciplina che aveva pubblicato sulla direttiva 8/2007 dimostrando l'errore che era stato rilevato da LaPrevidenza.it appena 27 giorni prima.
Per LaPrevidenza.it, pur non manifestando consenso nel merito legislativo, tale correzione è motivo d'orgoglio in quanto dimostra la particolare competenza deo propri relatori e l'attenta sorveglianza per motivi di trasparenza e giustizia che la rivista assicura ai propri lettori. Grazie al Dott. Mauro Di Fresco e a tutti i professionisti che quotidianamente mettono a disposizione di questa rivista la loro competenza e alta professionalità. La Redazione LaPrevidenza.it
(20/09/2008 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi:
» Multe: il super autovelox vede anche chi usa il telefono
» Guida in stato di ebbrezza: la sospensione della patente non è automatica
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
L'avvocato non può accettare compensi esigui
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi