Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dipendente va alle terme senza autorizzazione del datore? Non può essere licenziato

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 8402/2007) ha stabilito che non può essere licenziato un dipendente che con certificato alle mani va alle terme anche senza il consenso del proprio datore di lavoro. In particolare i Giudici del Palazzaccio hanno precisato che "la sanzione disciplinare del licenziamento, capace di privare il lavoratore subordinato e la sua famiglia dei mezzi per un'esistenza libera e dignitosa, deve essere giustificata da un fatto illecito di proporzionata gravità". Aggiunge poi la Corte che, in questi casi, è illegittima la sanzione del licenziamento perchè la gravità dell'assenza dal lavoro non autorizzata da parte del lavoratore era oggettivamente giustificata da un documentato bisognoso di cure contro l'artrite.
Con questa sentenza la Corte ha respinto il ricorso di un datore di lavoro e ha disposto la reintegrazione del lavoratore che si era recato alle terme nonostante l'autorizzazione del datore per lenire una "periatrite" documentata dal certificato medico.
(06/04/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile
» Arriva il conto corrente gratis per redditi bassi e pensionati
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss