Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dipendente va alle terme senza autorizzazione del datore? Non può essere licenziato

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 8402/2007) ha stabilito che non può essere licenziato un dipendente che con certificato alle mani va alle terme anche senza il consenso del proprio datore di lavoro. In particolare i Giudici del Palazzaccio hanno precisato che "la sanzione disciplinare del licenziamento, capace di privare il lavoratore subordinato e la sua famiglia dei mezzi per un'esistenza libera e dignitosa, deve essere giustificata da un fatto illecito di proporzionata gravità". Aggiunge poi la Corte che, in questi casi, è illegittima la sanzione del licenziamento perchè la gravità dell'assenza dal lavoro non autorizzata da parte del lavoratore era oggettivamente giustificata da un documentato bisognoso di cure contro l'artrite.
Con questa sentenza la Corte ha respinto il ricorso di un datore di lavoro e ha disposto la reintegrazione del lavoratore che si era recato alle terme nonostante l'autorizzazione del datore per lenire una "periatrite" documentata dal certificato medico.
(06/04/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF