Il decreto approvato dal Governo attua la Direttiva UE 2020/1828 sulla class action con la finalità di tutelare gli interessi collettivi dei consumatori anche in presenza di azioni transfrontaliere

Approvazione decreto che attua la direttiva UE sulla Class Action

Con un Comunicato pubblicato sul sito del Governo viene resa nota l'approvazione in via preliminare del testo del decreto legislativo che recepisce la direttiva Europea 2020/1828 (sotto allegata) che tutela gli interessi di tipo collettivo dei consumatori.
Come precisa infatti la direttiva "La globalizzazione e la digitalizzazione hanno accresciuto il rischio che un ampio numero di consumatori sia danneggiato dalla stessa pratica illecita."
Poiché però le procedure interne relative alle azioni rappresentative per ottenere provvedimenti inibitori, risarcitori sono diversi da Stato a Stato con differenti livelli di protezione, per non parlare di quegli Stati che non contemplano azioni collettive di tutela, è chiaro come la situazione non fa che incrinare la fiducia dei consumatori e delle imprese di operare nel mercato interno e come questa sfiducia crei distorsioni anche di tipo concorrenziale. 

Forte quindi la necessità un meccanismo procedurale efficace ed efficiente per le azioni rappresentative dei consumatori in tutti gli Stati Ue al fine di ottenere provvedimenti inibitori e risarcitori anche azionando azioni rappresentative transfrontaliere.
Azioni che vengono portate avanti da Enti legittimati a questo scopo da parte degli Stati membri e che pur essendo indipendenti, vengono sottoposti al monitoraggio dello Stato di appartenenza affinché presentino e conservino i requisiti necessari per lo svolgimento di detta attività.

Leggi anche:
- Class action: la guida
- Riforma Class action

Scarica pdf Direttiva UE 2020/1828

Foto: 123rf.com
Altri articoli che potrebbero interessarti:
In evidenza oggi: