Ai no vax contagiati e guariti dal Covid toccherà iniziare la procedura di "ricorso" entro 10 giorni, contro l'avviso ricevuto

Sanzioni per gli over 50 no vax

[Torna su]

In arrivo nei prossimi giorni le sanzioni per circa due milioni di over 50 che non si sono vaccinati, disobbedendo all'obbligo di lege che resterà in vigore fino al prossimo 15 giugno. Il governo aveva introdotto due mesi fa l'obbligo vaccinale per le persone con più di 50 anni, prevedendo una multa di 100 euro in caso di inadempienza. Sono partiti dal ministero della Salute gli elenchi delle persone che non si sono sottoposte al vaccino e, dopo la verifica, saranno inviate le cartelle tramite Poste. Al momento in partenza ci sarebbe un primo lotto di circa 600mila avvisi.

Che succede agli 800mila contagiati da covid

[Torna su]

Ma dei 1,8 milioni di no vax over 50 circa 800mila sono guariti dal Covid: spetterà a loro rispondere alle Asl, con una procedura non proprio agevole. Diminuisce il numero dei destinatari della multa a quasi 1,2 milioni. Ai no vax contagiati e guariti dal Covid toccherà iniziare la procedura di "ricorso" entro 10 giorni, contro l'avviso ricevuto segnalando alla propria azienda sanitaria di non essere più sottoposto all'obbligo vaccinale per provare ad evitare così la multa da 100 euro.

Come contestare la sanzione

[Torna su]

Nei dieci giorni successivi, sarà l'Asl a indicare all'Agenzia se la multa vada irrogata o meno. Se le motivazioni del richiedente verranno considerate idonee, il procedimento verrà chiuso immediatamente. Al contrario, se Asl dovesse rifiutare le giustificazioni presentate, l'iter sanzionatorio andrà avanti. Nei successivi sei mesi, saranno inviati gli avvisi di addebito via pec o raccomandata con ricevuta di ritorno, con valore di titolo esecutivo. Chi salderà la multa dopo questa seconda notifica, dovrà pagarne anche le spese, fermi restando i 60 giorni di tempo per pagare e i 30 per fare ricorso davanti a un giudice di pace.


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: