Se il green pass rilasciato a seguito di tampone negativo scade durante l'orario di lavoro cosa deve fare il lavoratore

Green pass scaduto durante l'orario di lavoro

Potrebbe verificarsi l'ipotesi in cui il green pass, che viene rilasciato a seguito di tampone rapido, scada durante l'orario di lavoro, in tal caso il Governo, nelle proprie faq ha chiarito che il datore di lavoro non può allontanare il lavoratore dal luogo di lavoro.
Quest'ultimo, infatti, una volta effettuato l'accesso sul posto di lavoro, con certificazione verde a tutti gli effetti valida, e verificata dal datore di lavoro, potrà continuare a svolgere regolarmente la propria attività lavorativa, e soltanto una volta completato l'orario di lavoro avrà l'obbligo di recarsi nuovamente in un centro abilitato per effettuare nuovo tampone e rinnovare così la certificazione per le ulteriore 48 ore, nel caso di tampone rapido, 72 ore nel caso di tampone molecolare.

Controllo green pass al momento dell'accesso

La ratio in questo caso deve rinvenirsi nella circostanza che la verifica circa la regolarità del green pass deve avvenire solo ed esclusivamente al momento dell'accesso del lavoratore nei luoghi di lavoro, solo in questo momento, infatti, al lavoratore potrebbe essere fatto divieto di accedere laddove la certificazione risultasse non valida.
Nessun controllo invece può essere effettuato nel corso delle ore lavorative, in quanto il lavoratore deve potere svolgere regolarmente e senza interruzioni di sorta la propria attività.
Pertanto, se nel corso dell'orario lavorativo dovesse giungere un controllo sul luogo di lavoro nessuna sanzione potrà essere applicata nè al lavoratore con la certificazione verde scaduta, magari da qualche ora, nè tanto meno al datore di lavoro, per il quale sarà sufficiente avere ottemperato all'obbligo di verifica al momento di ingresso dei lavoratori.
La legge infatti in merito è abbastanza chiara nel prevedere un obbligo di controllo, nonchè l'obbligo di disporre di una certificazione verde valida, solo nel momento in cui si accede ai luoghi non avendo previsto alcuna differenza nel caso in cui la certificazione dovesse scadere nel corso delle ore successive rispetto all'ingresso del lavoratore nella sede di lavoro.
Ovviamente se una volta completato il proprio orario di lavoro il lavoratore non provvederà al rinnovo della certificazione non potrà più essere autorizzato successivamente a far rientro a lavoro stante che ad ogni ingresso ha l'obbligo di esibire il green pass valido.

Avv. Alessandra Elisabetta DI MARCO

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: