Stop del requisito della doppia conformità per sanare gli abusi, previsto dal dl semplificazioni, solo sanzioni pecuniarie per gli illeciti che non hanno effetto sul carico urbanistico
demolizione di un abuso edilizio

Le novità del dl semplificazioni in materia edilizia

[Torna su]

Tra le novità più interessanti contenute nella bozza del decreto semplificazioni in materia edilizia, previste dall'art. 10 (sotto allegato), quelle che snellivano requisiti e procedura per la sanatoria degli abusi edilizi. La misura fortemente sostenuta da Conte, è stata invece contestata, tanto che è stato richiesto lo stralcio dalla bozza. Per Morassut, sottosegretario all'ambiente "È una norma "ammazza suolo" in totale contrasto con l'obiettivo dichiarato di questo governo di limitare il consumo di suolo e perseguire l'obbiettivo del saldo zero entro il 2050."

Abbandoniamo per il momento i contrasti e concentriamoci sulle misure che, al momento, dovrebbero essere ancora in piedi.

  • Per quanto riguarda le demolizioni, il decreto prevede che per la ricostruzione non si debbano rispettare la sagoma e le aree di sedime preesistente. L'importante è che vengano rispettate le distanze dai vicini.
  • Il decreto prevede poi la derubricazione delle ristrutturazioni a manutenzioni straordinarie per quelle modifiche dei prospetti che risultano necessarie a garantire l'agibilità e l'accessibilità delle unità immobiliari.
  • Stop ai pareri delle diverse autorità sulle pratiche edilizie. Per semplificare e standardizzare le procedure si vuole istituire una conferenza di servizi semplificata, più rapida ed efficiente.
  • Per quanto riguarda le strutture leggere si vogliono declassificare a edilizia libera per consentire la loro rimozione alla fine dell'utilizzo stagionale.

Proroga dei titoli e silenzio assenso

[Torna su]

Per evitare inutili perdite di tempo il privato, prima che decorrano i termini per l'inizio o per la fine dei lavori (rispettivamente un anno e tre anni dal rilascio del titolo), può prorogare i titoli edilizi con una comunicazione allo sportello unico comunale. Prevista una proroga ulteriore e discrezionale in presenza di ragioni valide.

Il Comune dovrà rilasciare un'attestazione che certifichi l'avvenuta formazione del silenzio assenso da parte dello sportello unico edilizia. Un atto esplicito per dare forza e certezza a un atto implicito.

Stralciato dal testo lo stop alla doppia conformità per gli abusi

[Torna su]
Come anticipato quindi non vedrà mai la luce la novità contenuta nella bozza del decreto semplificazioni, che si poneva l'obiettivo di eliminare per la sanatoria degli abusi edilizi la "doppia conformità" che richiede la doppia regolarità dell'intervento edilizio nel momento in cui viene realizzato e quando si chiede la sanatoria. La norma era stata introdotta perché il sistema penalizza le opere che nascono irregolari, ma poi vengono rese conformi al piano regolatore successivamente. C'è infatti un orientamento giurisprudenziale che ai fini della sanatoria non richiede tale duplice regolarità.

Non ci sono notizie sullo stralcio della disposizione che prevede la valutazione sull'opportunità di limitare la doppia conformità ai seguenti casi:

  • immobili già realizzati alla data di entrata in vigore della norma;
  • immobili realizzati secondo la normativa tecnica attuale, o adeguabili alla stessa per quanto riguarda sismicità, prestazione energetica ect.;
  • ai casi di non incidenza dell'immobile su regimi vincolistici, o quando è accertata la piena conformità alle esigenze tutelate dal vincolo esistente.
Stralciata a quanto pare anche la disposizione sulla irretroattività della sanatoria in base alla quale l'accertamento di conformità "si limita a riscontrare l'attuale conformità dell'opera: conseguentemente, non estingue i reati eventualmente già commessi (dei quali cessa unicamente la permanenza), ed è assoggettato a una più onerosa contribuzione pecuniaria."

Cambiano le sanzioni?

[Torna su]

Discussioni e dubbi anche sul sistema sanzionatorio. La bozza del decreto infatti "prevede" una revisione il sistema sanzionatorio limitando la demolizione e la rimessione in pristino dell'opera solo agli abusi edilizi che hanno comportato un aumento del carico urbanistico attraverso, ad esempio, l'incremento della cubatura e delle superfici.

Per gli abusi che invece non hanno comportato un aumento del carico urbanistico la bozza "introduce" la prescrizione decennale. Spirato questo termine non è applicabile neppure la sanzione pecuniaria.

Per quanto riguarda invece gli altri abusi edilizi, la bozza "prevede" una sanzione pecuniaria, pari al doppio dell'incremento di valore venale dell'immobile.

Leggi anche:

- Abuso edilizio

- Abusi edilizi di lieve entità? Addio demolizione

Scarica Pdf Art 10 Bozza decreto Semplificazioni 2020 - Semplificazioni edilizie
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: