Sei in: Home » Articoli

Cassa ammende

Condividi
Seguici

La Cassa delle ammende è uno dei più importanti mezzi per la rieducazione del condannato. Ecco che finalità persegue, cosa finanzia e quali fondi utilizza
soldi euro salvadanaio risparmio povero

di Valeria Zeppilli - La Cassa delle ammende è un ente pubblico che si occupa di finanziare degli importanti interventi che riguardano, principalmente, i soggetti che abbiano subito condanne penali, i tossicodipendenti, gli alcoldipendenti e gli ambienti detentivi.

L'obiettivo è quello di onorare il principio dettato dall'articolo 27 della Costituzione, in forza del quale le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

Tale ente è stato istituito nel 1932 con la legge n. 547, successivamente riformata dalla legge n. 14/2009. Il suo statuto è stato emanato con D.P.C.M. 10 Aprile 2017 n. 102.

  1. Cassa ammende: cosa finanzia
  2. Cassa ammende: i fondi
  3. Gli organi della Cassa delle ammende

Cassa ammende: cosa finanzia

È lo statuto della Cassa delle ammende a individuare gli interventi che possono essere finanziati con i suoi fondi.

Programmi

Si tratta, in particolare dei programmi:

  • di reinserimento dei detenuti e degli internati attraverso l'inclusione lavorativa e la formazione, con il fine di permettere a tali soggetti di acquisire conoscenze teoriche e pratiche da utilizzare nel mercato del lavoro;
  • di reinserimento socio-lavorativo delle persone che si trovino in una misura alternativa alla detenzione o che siano sottoposte a sanzioni di comunità, attraverso l'inclusione lavorativa e la formazione per la qualificazione professionale;
  • di sperimentazione di protocolli di valutazione del rischio, presa in carico e intervento delle persone condannate;
  • di assistenza ai detenuti, agli internati e alle persone che si trovino in una misura alternativa alla detenzione o che siano sottoposte a sanzioni di comunità e alle loro famiglie, in particolare attraverso iniziative educative, culturali e ricreative;
  • di recupero dei soggetti tossicodipendenti o assuntori abituali di sostanze stupefacenti o psicotrope o alcoliche;
  • di integrazione degli stranieri che siano sottoposti a esecuzione penale, di cura e di assistenza sanitaria;
  • di sviluppo di percorsi di giustizia riparativa e di mediazione penale;
  • di sostegno dell'attività volontaria gratuita o del lavoro di pubblica utilità.

Progetti

La cassa delle ammende può poi finanziare anche dei progetti di edilizia penitenziaria, di riqualificazione e di ampliamento degli spazi destinati alla vita comune e alle attività lavorative dei detenuti e di miglioramento delle condizioni igieniche degli ambienti detentivi.

Cassa ammende: i fondi

Per adempiere alle sue finalità, la Cassa delle ammende si avvale di due fondi, finanziati con introiti di diversa provenienza.

In particolare, il Fondo patrimonio raccoglie e utilizza le somme versate a seguito di sanzioni pecuniarie disposte dal giudice, i ricavi dei manufatti realizzati e venduti dai detenuti e i proventi della vendita dei corpi di reato non reclamati da chi ne avrebbe diritto.

Il Fondo deposito, invece, raccoglie e utilizza le somme di cauzione ordinate dai magistrati per misure di prevenzione o di buona condotta e gli averi che non sono stati reclamati da chi esce dal carcere.

Gli organi della Cassa delle ammende

Gli organi della Cassa delle ammende sono:

  • Presidente
  • Consiglio di amministrazione
  • Segretario generale
  • Collegio dei revisori dei conti.

L'attuale organigramma è stato approvato con delibera del Consiglio di amministrazione del 29 gennaio 2019.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(31/05/2019 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cartelle pagamento: la Cassazione porta la prescrizione a 10 anni
» In arrivo nuovo limite contanti: tra i 1.000 e i 1.500 euro

Newsletter f t in Rss