Sei in: Home » Articoli

Esenzione canone Rai entro il 31 gennaio

Per richiedere l'esenzione canone Rai serve presentare una dichiarazione, che deve essere inviata ogni volta che mutano i presupposti richiesti
anziani guardano televisione spostando telecomando

di Gabriella Lax - C'è tempo fino al 31 gennaio per chiedere l'esenzione dal pagamento del canone Rai.

Leggi la guida Esenzione canone Rai

Canone Rai, esenzione entro il 31 gennaio

Anche per il 2019 il canone Rai si paga nella bolletta elettrica, con un costo complessivo di 90 euro dilazionato su 10 rate mensili (da gennaio ad ottobre). Ricordiamo inoltre che l'esenzione dal pagamento è prevista per i titolari di utenza elettrica per uso domestico residenziale privi di apparecchio TV, sia proprio che di un familiare parte del nucleo, per gli over 75 con un reddito pari o inferiore a 6.713,98 euro per il 2017 e 8.000 euro per il 2018 e per i diplomatici, i militari non cittadini e il personale civile straniero Nato non residente in Italia, ma stanziato nel nostro Paese.

Per chiedere l'esenzione serve presentare una dichiarazione, che deve essere inviata ogni volta che mutano i presupposti richiesti. Il modello è disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate e può essere inviato anche tramite la modalità telematica utilizzando le proprie credenziali Fisconline o Entratel. La modalità telematica non è invece disponibile per gli anziani (che però possono inviare la richiesta di esenzione tramite PEC, all'indirizzo di posta elettronica certificata p22.sat@postacertificata.rai.it). La richiesta di esonero può comunque essere richiesta inviando il modulo preposto in plico raccomandato senza busta, all'indirizzo: Agenzia delle entrate - Ufficio Torino 1 - Sportello abbonamenti TV - Casella postale 22 -10121 Torino.

(16/12/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Reato per il padre che mantiene solo i figli nati dalla nuova relazione
» I principi fondamentali della Costituzione
» Bullismo: responsabile anche chi assiste
» Divorzio: niente assegno all'ex moglie scansafatiche
» Curatori fallimentari: dal 16 marzo via all'albo
Newsletter f t in Rss