Il canone Rai non è sempre dovuto, ma ci sono alcuni casi in cui opera l'esenzione dal pagamento, che può essere richiesta utilizzando gli appositi modelli
vecchio televisore con sopra pallone da calcio

A chi spetta l'esenzione canone Rai

[Torna su]

L'esenzione dal pagamento del canone Rai è prevista per i titolari di utenza elettrica per uso domestico residenziale privi di apparecchio TV, per gli over 75 con un reddito che non superi gli 8000 euro e per i diplomatici, i militari non cittadini e il personale civile straniero Nato non residente in Italia, ma stanziato nel nostro Paese.

Per chiedere l'esenzione è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva, che deve essere inviata solo se mutano i presupposti richiesti per godere del beneficio.

Leggi anche: Come non pagare il canone Rai

Esenzione canone Rai 2020

Di anno in anno, le esenzioni canone Rai sono confermate e così è avvenuto anche nel 2020: la legge di bilancio 2020 si è occupata di disciplinare la materia, prevedendo, ad esempio, che possono continuare a essere esentati dal pagamento di tale canone i cittadini anziani che rientrano nei limiti di reddito previsti.

Ma vediamo nel dettaglio le singole ipotesi in cui opera l'esenzione.

Esenzione canone Rai per chi non ha la TV

[Torna su]

Innanzitutto, non devono pagare il canone Rai i contribuenti a cui è intestata o sono intestate più utenze elettriche per uso domestico residenziale, che non possiedono un apparecchio TV proprio o di un membro della famiglia anagrafica in nessuna abitazione, intendendosi per membri della famiglia anagrafica quei soggetti legati tra loro da matrimonio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela o anche da vincoli puramente affettivi, che coabitano e che hanno la dimora abituale nello stesso Comune.

Domanda esenzione canone Rai per chi non ha la TV

[Torna su]

Per chiedere l'esenzione è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva utilizzando il modello dell'Agenzia delle Entrate (sotto allegato).

Il modello può essere utilizzato:

  • dal titolare di un'utenza elettrica per uso domestico residenziale, che deve certificare che lui o un membro della famiglia anagrafica non detengono un apparecchio televisivo ulteriore rispetto a quello per cui è stata presentata denuncia di cessazione dell'abbonamento TV;
  • da un erede per dichiarare che l'utenza elettrica è ancora intestata temporaneamente a un soggetto defunto, ma che nell'abitazione non si trova alcun apparecchio televisivo;
  • da chi ha presentato domanda di cessazione dell'abbonamento per suggellamento, per certificare, al fine di scongiurare l'addebito in bolletta, che nelle abitazioni in cui è attiva l'utenza non è presente un apparecchio televisivo.

Come presentarla

Le dichiarazioni contenute nel modello hanno validità annuale, pertanto se intervengono delle modifiche che fanno venire meno i requisiti per l'esenzione, è necessario, nella dichiarazione successiva, informarne l'Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione sostitutiva in questi casi può essere presentata:

  • utilizzando l'applicazione del sito dell'Agenzia delle Entrate, previa registrazione ai servizi telematici Entratel o Fisconline;
  • tramite intermediari abilitati;
  • a mezzo raccomandata senza busta all'Agenzia delle entrate - Direzione Provinciale I di Torino - Ufficio Canone TV - Casella postale 22 - 10121 Torino, allegando un documento d'identità in corso di validità.
Leggi anche: Canone Rai: ecco il modello per non pagare

Esenzione canone Rai per gli over 75

[Torna su]

Sono esonerati dal pagamento del canone Rai gli ultra 75enni, titolari di un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore agli 8000 euro, se non convivono contitolari di reddito proprio, fatta eccezione naturalmente per colf e badanti. L'esonero spetta se l'apparecchio o più apparecchi televisivi sono presenti nell'abitazione in cui il contribuente ha fissato la propria residenza, non rilevando la presenza di apparecchi in immobili diversi da quello di residenza. L'esonero vale per l'intero anno se il soggetto compie 75 anni entro il 31 gennaio, mentre vale solo per il secondo semestre se raggiunge l'età prevista per l'esonero nel periodo compreso tra il primo febbraio e il 31 luglio.

Leggi anche: Canone Rai 2020: sale la soglia per l'esenzione

Domanda esenzione canone Rai per gli over 75

[Torna su]
Per ottenere l'esonero occorre presentare la dichiarazione sostitutiva predisposta dall'Agenzia delle Entrate (sotto allegata) in cui gli over 75 dichiarano di possedere i requisiti richiesti. Nel momento in cui le condizioni previste per beneficiare dell'esenzione permangono è possibile godere dell'agevolazione anche negli anni successivi, senza la necessità di presentare ogni anno la dichiarazione.Viceversa se i requisiti mutano, perché ad esempio si superano i limiti di reddito previsti, occorre presentare una dichiarazione per comunicare la variazione intervenuta.
Può anche verificarsi in caso in cui, pur essendo in possesso dei requisiti reddituali e anagrafici che danno diritto all'esenzione, il contribuente paghi il canone Tv. In questo caso è possibile chiedere il rimborso di quanto versato utilizzando l'apposito modulo predisposto dall'Agenzia delle Entrate (sotto allegato), dopo aver inviato la dichiarazione sostitutiva che attesta il possesso dei requisiti per l'esenzione.

Dichiarazione sostitutiva e istanza di rimborso possono essere:

  • spedite a mezzo posta in plico raccomandato, senza busta, al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate - Direzione Provinciale I di Torino - Ufficio Canone TV - Casella postale 22 - 10121 Torino (allegando copia di un documento di riconoscimento in corso di validità);
  • trasmesse previa sottoscrizione con firma digitale a mezzo PEC all'indirizzo: cp22.canonetv@postacertificata.rai.it;
  • consegnate presso un ufficio territoriale dell'Agenzia delle entrate.
Leggi: Canone Rai 2020, come chiedere l'esenzione

Esenzione canone Rai: gli altri casi

[Torna su]
L'ultima categoria di soggetti che beneficiano dell'esenzione del canone TV sono:

  • gli agenti diplomatici;
  • i funzionari e gli impiegati consolari;
  • i funzionari di organizzazioni internazionali;
  • i militari stranieri;
  • il personale civile di cittadinanza straniera, non residente in Italia, appartenente alle forze NATO stanziate in Italia.
Leggi anche: Canone Rai: chi risiede all'estero deve pagarlo?

Domanda esenzione canone Rai diplomatici e funzionari

[Torna su]
Per i soggetti che hanno diritto all'esonero in virtù di convenzioni internazionali e che presentano l'apposita dichiarazione di esenzione predisposta dall'Agenzia delle Entrate (sotto allegata) il canone non viene addebitato sulla fattura dell'utenza di energia elettrica intestata al dichiarante o a un componente della sua famiglia anagrafica, di cui bisogna comunicare nome, cognome e codice fiscale.
Come nei casi precedenti, la dichiarazione può essere utilizzata anche per comunicare il mutamento dei presupposti che danno diritto all'esenzione, come la cessazione dall'incarico diplomatico, ad esempio.
Essa deve essere presentata, unitamente a un documento d'identità, a mezzo plico raccomandato senza busta, all'Agenzia delle entrate - Ufficio Torino 1 - Sportello abbonamenti TV - Casella postale 22 - 10121 Torino.

Vai alla guida Canone Rai: tutto quello che devi sapere

Vai alla Raccolta di articoli e sentenze sul Canone Rai

Scarica pdf Dichiarazione sostitutiva per esenzione over 75
Scarica pdf Dichiarazione sostitutiva Canone Tv uso privato
Scarica pdf Rimborsi canone Rai
Scarica pdf Dichiarazione sostitutiva esenzione convenzioni internazionali
Vedi anche:
Canone rai: raccolta articoli
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: