Sei in: Home » Articoli

Canone Rai, rimborso via mail… ma è una truffa

A lanciare l'allarme è l'Agenzia delle Entrate che avvisa i contribuenti "attenzione alle false e-mail su rimborsi Rai", si tratta di tentativi di phishing
phishing

di Redazione - Ecco il rimborso del canone Rai via mail. Ma attenzione si tratta di una truffa. Ad allertare è la stessa Agenzia delle Entrate che avvisa i contribuenti di fare attenzione alle false e-mail inviate a suo nome che, dietro la comunicazione di un imminente rimborso del canone Tv nascondono invece un tentativo di phishing a danno dei cittadini. Negli ultimi giorni, comunica infatti l'amministrazione, sono state segnalate delle false e-mail, apparentemente provenienti dall'assistenza servizi telematici dell'Agenzia, ma in realtà inviate da un indirizzo contraffatto non riconducibile alle Entrate. L'oggetto della mail, spiega l'Agenzia, è 'Re: Rimborso Rai - A8005W' e nel testo del messaggio viene comunicato il riconoscimento di un parziale rimborso del canone Rai per un importo di 14,90 euro, per ottenere il quale si rimanda alla sottomissione di una richiesta sull'indirizzo web del sito dell'Agenzia che in realtà nasconde un link ad un sito fraudolento (www.area-agenzia-en.info). Anche se "oggetto della e-mail e importo del fantomatico rimborso possono variare - in ogni caso - le e-mail in questione non provengono da un indirizzo direttamente collegato all'Agenzia e nascondono un evidente tentativo di truffa" proseguono le Entrate.

La raccomandazione, dunque, è quella di cestinare immediatamente i messaggi, non cliccando sui collegamenti presenti e soprattutto non fornendo i propri dati anagrafici o bancari nella pagina web indicata dalle stesse mail.

L'Agenzia coglie, infine, l'occasione per ricordare che non invia comunicazioni via posta elettronica relative ai rimborsi.

Leggi anche:

- Canone Rai: tutto quello che devi sapere

- Il phishing

(22/08/2018 - Redazione)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1 gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss