Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Scatola nera in auto, ecco gli sconti obbligatori

Il ministero delle Infrastrutture ha messo in pubblica consultazione sul proprio sito, dallo scorso 9 luglio, la bozza del decreto che fissa le caratteristiche tecniche di questi dispositivi
tachimetro che segna alta velocità

di Gabriella Lax – Partiranno entro l'estate gli sconti "obbligatori" sull'assicurazione Rc auto per chi ha la scatola nera. Ricordiamo che la scatola nera è un dispositivo elettronico mobile, con rilevatore gps incorporato, che può registrare una grande quantità di dati riguardo la condotta e lo stile di guida dell'assicurato, compresi eventuali incidenti. La scatola nera può essere installata sulle automobili con un contratto di comodato d'uso gratuito entro 15 giorni dalla stipula del contratto assicurativo.

Leggi anche:

- Rc auto: al via gli sconti obbligatori

- Rc auto: in arrivo sconti per chi installa la scatola nera

Scatola nera in auto, in arrivo gli sconti obbligatori

Il ministero delle Infrastrutture ha messo in pubblica consultazione sul proprio sito, dallo scorso 9 luglio, la bozza del decreto che fissa le caratteristiche tecniche di questi dispositivi. Rimangono da chiarire dubbi, soprattutto legati alla privacy. Intanto però si potrebbe usufruire degli sconti che si è cercato di introdurre dal 2012 e per i quali solo un anno fa - nella legge sulla concorrenza (n. 124/2017) - è stata trovata una formulazione giuridica più stabile delle precedenti.

Proprio il 9 luglio sono entrati in vigore i criteri di calcolo dello sconto, rimasti però inapplicabili senza il decreto. Al momento gli sconti sono quelli liberamente fissati dalle compagnie. Ma il ministero ha lasciato appena 15 giorni (contro i 30 o 60 consueti in questi casi) ai soggetti interessati per far pervenire le osservazioni. Questo comporta che i tempi si velocizzano ed entro settembre il provvedimento potrebbe trovare la luce.

Il Dm non si occupa solo di disciplinare la scatola nera, ma introduce la definizione di «ulteriori dispositivi», ossia telepass, navigatori e smartphone, eventualmente anche "in dialogo" con la strada (la c.d. smart road, cioè dotata di sensori e sistemi che consentono di trasmettere e ricevere segnalazioni e altri input dai veicoli in transito).

(22/07/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss