Sei in: Home » Articoli

In due mesi il rating di legalità per le imprese

Il rating di legalità è un indicatore sintetico del rispetto di elevati standard di legalità da parte delle imprese che, come chiarisce Agcm, consente finanziamenti facilitati a chi lo ha ottenuto
imprese impiegati pmi accordo lavoro

di Gabriella Lax - Finanziamenti facilitati per le imprese che ottengono il rating. A spiegare modalità e tempi ci ha pensato Agcm (Autorità garante per la concorrenza e per il mercato) con le risposte fornite sul proprio sito e recentemente aggiornate, in relazione all'entrata in vigore, il 29 maggio scorso, del regolamento attuativo del rating di legalità (cfr. delibera Agcm del 15 maggio 2018 n. 27165).

Cos'è il rating di legalità

Il rating di legalità è un indicatore sintetico del rispetto di elevati standard di legalità da parte delle imprese che ne facciano richiesta e del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del business. Da parte delle stesse. Il riconoscimento si concretizza in un punteggio compreso tra un minimo di una stelletta e un massimo di tre stellette. L'impresa richiedente ottiene il punteggio base, pari a una stelletta, qualora rispetti tutti i requisiti previsti dal regolamento attuativo. Il punteggio base potrà essere incrementato di una stelletta per ogni requisito aggiuntivo che l'impresa rispetta tra quelli previsti all'art. 3 del Regolamento; il conseguimento di tre stellette comporta l'attribuzione di una stelletta aggiuntiva, fino a un punteggio massimo di tre stellette.

Agcm, in due mesi rating legalità per le imprese

Dalla richiesta completa, passeranno due mesi per avere il via dall'Agcm. Il termine però, resta sospeso per un massimo di 45 giorni, qualora vengano richieste informazioni ad altre pubbliche amministrazioni.

Il rating di legalità consente facilitazioni in caso di richieste di concessioni di finanziamenti, sia da parte delle pubbliche amministrazioni (ex articolo 7, comma 1, del dlgs n. 123/1998), sia da parte degli istituti di credito.

Il rating potrà essere richiesto dalle imprese (sia in forma individuale che societaria) che hanno sede operativa in Italia; nel contempo hanno un fatturato minimo di due milioni di euro nell'esercizio chiuso nell'anno precedente a quello della domanda;
risultano iscritte al registro imprese da almeno due anni alla data della domanda; e che rispettano i requisiti sostanziali richiesti dal Regolamento attuativo.

Rating legalità, come si presenta la domanda

Per presentare la domanda serve compilare l'apposito modulo sul sito dell'Agcm, in formato elettronico. Bisognerà sottoscriverlo con la firma digitale dal legale rappresentante dell'impresa richiedente corredata da un suo documento di identità valido e inviarlo per via telematica alla casella di posta elettronica certificata protocollo.agcm@pec.agcm.it.

Il formulario dovrà essere presentato esclusivamente via posta elettronica certificata.

Qualunque altra modalità di inoltro della domanda, diversa da quella indicata, comporterà la non accettazione della stessa.

(20/07/2018 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1 gennaio 2019 solo online

Newsletter f g+ t in Rss