Il decreto disciplina il Fondo impresa femminile, stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande di agevolazione e fornisce le necessarie specificazioni per la corretta attuazione degli interventi

Fondo attività imprenditoriali al femminile: cos'è

[Torna su]

Il Decreto direttoriale del 30 marzo 2022 (in allegato) disciplina il Fondo impresa femminile e riporta modalità e termini per la per la presentazione delle domande di agevolazione. Il documento fornisce una corretta attuazione degli interventi, con particolare riferimento all'iter di valutazione delle domande di agevolazione e ai punteggi attribuibili ai fini dell'accesso alle agevolazioni, nonché alle modalità, ai tempi e alle condizioni per l'erogazione delle agevolazioni. L'obiettivo è incentivare le donne ad avviare e rafforzare nuove attività imprenditoriali per realizzare progetti innovativi. Si tratta di un intervento inserito tra le priorità del Pnrr, a cui sono destinati 200 milioni di euro con l'obiettivo di supportare la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili (vedi anche Imprenditoria femminile: 400 milioni dal Pnrr).

Attività imprenditoriali al femminile, le domande

[Torna su]

A partire da maggio potranno essere presentate le domande per richiedere contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati, secondo il calendario delle date di apertura degli sportelli:

- per l'avvio di nuove imprese femminili o costituite da meno di 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 5 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 19 maggio 2022;

- per lo sviluppo di imprese femminili costituite oltre 12 mesi la compilazione delle domande è possibile dalle ore 10 del 24 maggio 2022 mentre la presentazione a partire dalle ore 10 del 7 giugno 2022.

L'articolo 4 del decreto disciplina le modalità di presentazione delle domande. Le domande presentate nelle more della chiusura dello sportello che non trovano copertura finanziaria nell'ambito delle risorse disponibili sono sospese dalla procedura di valutazione, fino all'accertamento di eventuali economie rinvenienti dalle istruttorie in corso. In esito al predetto accertamento, le istanze che permangono prive di copertura finanziaria, si considerano decadute. Il Soggetto gestore provvede a comunicare alle imprese interessate la suddetta sospensione o decadenza.

Le domande di agevolazione, redatte in lingua italiana, devono essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica messa a disposizione nel sito internet del Soggetto gestore (www.invitalia.it), sezione "Fondo impresa femminile", dalle ore 10.00 alle ore 17.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dalle date indicate al comma 13, secondo le modalità indicate al presente articolo.

L'accesso alla procedura:

- prevede l'identificazione e l'autenticazione dell'impresa femminile richiedente tramite SPID, Carta nazionale dei servizi o Carta di Identità Elettronica;

- è riservato al rappresentante legale dell'impresa femminile richiedente, come risultante dal relativo certificato camerale o alla lavoratrice autonoma ovvero, nel caso previsto dall'articolo 8, comma 5, del decreto 30 settembre 2021, alla persona fisica per conto dell'impresa femminile costituenda.

Per le imprese non residenti nel territorio italiano, in quanto prive di sede legale o sede secondaria, o amministrate da una o più persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, l'accesso alla procedura informatica può avvenire solo previo accreditamento degli stessi soggetti e previa verifica dei poteri di firma in capo al legale rappresentante dell'impresa. A tale fine, è necessario inviare esclusivamente attraverso posta elettronica certificata (PEC), a partire dalle ore 10.00 del 26 aprile 2022, una specifica richiesta all'indirizzo di posta elettronica indicato con congruo anticipo nell'apposita sezione del sito internet del Soggetto gestore di cui al comma 4, riportante nell'oggetto "Fondo impresa femminile - richiesta accreditamento alla procedura informatica", corredata dei documenti e degli elementi utili a permettere l'identificazione della stessa impresa richiedente e del suo rappresentante. Gli adempimenti tecnici connessi a tale fase di accreditamento sono svolti nel termine di 5 giorni lavorativi a partire dalla ricezione della richiesta per cui, tenuto conto dei termini previsti al successivo comma 13 per la compilazione e la presentazione delle domande di agevolazione, le imprese femminili richiedenti sono tenute a trasmettere tempestivamente l'istanza (Per gli altri particolari si può consultare il bando completo in allegato).

Chi può richiedere l'agevolazione

[Torna su]

Nel fondo ci sono 160 milioni di euro dal Pnrr che hanno integrato i 40 milioni di euro già stanziati in legge di bilancio 2021 ed è articolato su incentivi dedicati a imprese femminili (intese come imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome) con sede legale e/o operativa situata sul territorio nazionale. L'avvio di nuove attività imprenditoriali sarà inoltre supportato con azioni dirette ad affiancare le donne nel percorso di formazione ma anche attraverso servizi di assistenza tecnico-gestionale della misura.

Le agevolazioni saranno concesse a fronte di programmi di investimento nei settori dell'industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, commercio e turismo, nonché nella fornitura dei servizi.

Gli sportelli per la presentazione delle domande saranno gestiti da Invitalia per conto del Ministero dello sviluppo economico. Con prossimi provvedimenti ministeriali verranno infine rifinanziate le altre misure già avviate come Imprese ON (Oltre Nuove Imprese a Tasso zero), a supporto della creazione di piccole e medie imprese e auto imprenditoria, e Smart&Start, a supporto di startup e PMI innovative.

Scarica pdf decreto Fondo Imprese Femminili

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: