Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Multe Svizzera: come evitare accertamenti in Italia

La Polizia Cantonale svizzera esegue diversi adempimenti, tra i quali la richiesta di pagamento immediato
vigile che fa multa ad auto
Avv. Francesco Pandolfi - Sempre particolare e complesso l'iter sanzionatorio delle multe in Svizzera.
Vediamo qui in dettaglio la fase procedurale che consente di dribblare la segnalazione alle Autorità competenti italiane e prevenire, quindi, spiacevoli conseguenze in patria.


  1. La fase iniziale
  2. Effetti del pagamento immediato
  3. La procedura
  4. Assistenza legale

La fase iniziale

Ebbene, dopo la rilevazione di un'infrazione al codice della strada da parte del servizio controlli velocità e contravvenzioni, il Reparto della Stradale competente invia una lettera al trasgressore descrivendo nell'oggetto:
a) il luogo,
b) la data,
c) l'ora di verificazione della violazione e
d) la targa della vettura fotografata.
In questa comunicazione la Stradale, dopo aver inviato la richiesta di generalità del conducente in merito al controllo della velocità in questione ed averle ricevute, spiega di essere stata informata che il destinatario della predetta lettera era ed è effettivamente il conducente del veicolo citato.

Effetti del pagamento immediato

In pratica, l'informazione contenuta nella missiva di cui stiamo parlando si riferisce al fatto che, seguendo correttamente la procedura indicata dalla Polizia, l'autore dell'infrazione stradale non verrà segnalato alle Autorità competenti del proprio Paese (Italia).

La procedura

A questo punto, il documento traccia il percorso per arrivare a perfezionare l'adempimento:
1) viene assegnato un termine perentorio di giorni 60 per inviare, debitamente compilato, il cosiddetto "formulario richiesta conducente",
2) viene calcolato, quantificato e comunicato l'importo da pagare,
3) viene assegnato un termine di giorni 15 per il deposito di osservazioni scritte e documenti (mezzi di prova) decorrenti dalla ricezione dell'atto di intimazione, dopo aver versato l'importo quantificato,
4) la Polizia rimane in ogni caso a disposizione dell'utente per eventuali delucidazioni sull'iter prescritto,
5) viene intimato che, in caso di mancato pagamento, si effettua la comunicazione / segnalazione all'Autorità penale del proprio Paese,
6) viene indicata in dettaglio la modalità per effettuare il bonifico relativo al pagamento della sanzione irrogata e da loro quantificata, ivi compresa l'indicazione obbligatoria del numero di riferimento della sanzione.

Assistenza legale

Sembra utile suggerire l'assistenza legale per questo tipo di pratiche sin dalle prime fasi dell'iter sanzionatorio: in effetti, la coesistenza all'interno del dossier di aspetti amministrativi e penali nonché la scansione rigida di numerose fasi procedurali, implica che l'interessato debba necessariamente cimentarsi con una certa quota di tecnicismo, evitabile se ci si affida a chi per lavoro tratta casi analoghi nella quotidianità.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed � autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(30/06/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Giustizia: arriva il processo civile "a fisarmonica"
» Notifiche: quando la colpa è dell'ufficiale giudiziario
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero
» Pensioni: arriva la tredicesima
» La prescrizione penale

Newsletter f g+ t in Rss