Sei in: Home » Articoli
 » Multe

AvvisAci: il servizio per gli automobilisti in tempo reale

Il nuovo servizio dell'Automobile Club d'Italia consente agli automobilisti di ricevere in tempo reale su telefonini o computer tutte le notizie sulle pratiche automobilistiche relative al proprio veicolo
logo aci

di Gabriella Lax - Le notizie relative alle nostre auto direttamente su pc o telefonino. Da oggi č possibile grazie al nuovo servizio "AvvisACI", proposto dall'Automobile Club d'Italia (Aci), che consente agli automobilisti di essere informati in tempo reale. Ad oggi sono stati 32.000 gli utenti che si sono registrati e 26.000 notifiche inviate.

AvvisAci: come funziona

Come funziona AvvisAci? Basterą registrarsi al servizio su www.aci.it o scaricare l'app 'ACISpace' per ricevere (via e-mail o sms) dal Pubblico Registro Automobilistico (Pra), le informazioni sul proprio veicolo, identificato anche dal proprio codice fiscale.

L'attivazione del servizio č gratuita e, tra i vantaggi, c'č la possibilitą di evidenziare eventuali errori di registrazione e di poter contare su un valido strumento anti-truffa.

Dunque sarą l'Aci ad avvisare tramite con una email o un SMS dell'avvenuta registrazione al PRA di pratiche presentate dal soggetto o su richiesta di altri soggetti. La peculiaritą č che «Con il servizio AvvisACI non č il cittadino ad informarsi, ma č ACI ad informare il cittadino».

L'utilitą del servizio consiste nel fatto che gli automobilisti potranno controllare qualsiasi pratica relativa ad un loro mezzo registrato: immatricolazione; trascrizione dell'atto di vendita; iscrizione o cancellazione del fermo amministrativo; radiazione dall'autodemolitore o per definitiva esportazione all'estero; perdita e rientro in possesso.

(03/06/2018 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss