Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Bimbi in auto: arriva il seggiolino salvabebè

Depositato in entrambi i rami del Parlamento un apposito disegno di legge per rendere obbligatoria l'installazione di dispositivi salvabebè nelle auto
bambino seduto in seggiolino auto
di Redazione - Mai più bambini dimenticati in auto, grazie al dispositivo "salvabebè". È il fine che si propone il disegno di legge presentato in entrambi i rami del Parlamento da deputati e senatori di Fratelli d'italia, insieme a un appello a tutti i gruppi parlamentari, affinchè la legge venga approvata il prima possibile. "Non si può rimanere indifferenti davanti a tragedie come quella avvenuta pochi giorni fa. Un bambino è morto perché dimenticato in auto dai genitori. È un dramma inimmaginabile e le istituzioni hanno il dovere di tutelare i bambini innocenti. Per questo, noi di Fratelli d'Italia abbiamo presentato, sia al Senato che alla Camera, un apposito disegno di legge" scrivono i firmatari.

La proposta di modifica al codice della strada per rendere obbligatoria l'installazione nei seggiolini di allarmi "salvabebè" viene portata avanti da molti anni. Anche nelle scorse legislature, infatti, sono state presentate prorposte in tal senso ma la discussione si è arenata e ha portato a un nulla di fatto.

Leggi anche Bimbi dimenticati in auto: arriva la legge salvabebè

Nello specifico, il disegno di legge prevede l'introduzione dell'obbligo di un dispositivo acustico e luminoso collegato ai sistemi di ritenuta per bambini, segnalando così al conducente la presenza degli stessi all'interno del veicolo.

Vai al disegno di legge sul sito del Senato

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter



(27/05/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialit non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss