Sei in: Home » Articoli

Lavoro: danni al dipendente depresso dopo il demansionamento

Condividi
Seguici

Per la Cassazione, le mansioni vanno valutate unilateralmente evitando atomizzazioni o parcellizzazioni
uomo depresso davanti al computer al lavoro

di Valeria Zeppilli - Se il demansionamento porta il dipendente alla depressione, nulla lo priva del risarcimento del danno da parte del datore di lavoro.

La Corte di cassazione, con la sentenza numero 6793/2018 del 19 marzo (qui sotto allegata), ha infatti confermato la condanna di un'azienda per le conseguenze psicologiche cagionate a una dipendente dalla scelta di inquadrarla a un livello inferiore rispetto a quello che le sarebbe spettato in base alle mansioni complessivamente svolte.

Le mansioni vanno valutate unitariamente

Con la sentenza in commento la Corte ha anche specificato che, nel giudizio condotto ai fini dell'articolo 2103 del codice civile, i compiti svolti dal lavoratore vanno valutati unitariamente, evitando "atomizzazioni o parcellizzazioni di singole funzioni che, isolatamente considerate, non farebbero mai emergere l'esatto tenore qualitativo d'una data posizione di lavoro".

Lavoratore assente con conservazione del posto

Infine, la pronuncia del 19 marzo merita di essere segnalata per un ulteriore chiarimento: i giudici hanno infatti ribadito cosa deve intendersi per lavoratore assente con diritto alla conservazione del posto, la cui sostituzione da parte di altro lavoratore avente una qualifica inferiore non attribuisce a quest'ultimo il diritto alla promozione.

Per la Corte, in particolare, si deve fare riferimento soltanto al lavoratore che non è presente in azienda a causa di un'ipotesi di sospensione legale o convenzionale del rapporto di lavoro e non anche al lavoratore che è destinato a lavorare fuori dall'azienda o in un'altra unità o in un altro reparto in ragione di una scelta organizzativa del datore di lavoro.

Corte di cassazione testo sentenza numero 6793/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(22/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: la busta paga prova le ferie non godute
» Assegno di divorzio: conta anche l'addebito della crisi coniugale
» Fibromialgia: arriva l'invalidit
» Chi mantiene da solo il figlio ha diritto di regresso verso l'altro genitore
» Cinque modi per riconoscere un bravo avvocato

Newsletter f t in Rss