Fisco: professionisti controllati anche grazie al telepass

Anche l'uso del telepass diventa uno strumento da utilizzare per i controlli fiscali dei professionisti da parte dell'Agenzia delle Entrate
occhio che spia dal buco della serratura

di Gabriella Lax - Anche l'uso del telepass può costituire un importante strumento da usare per l'Agenzia delle entrate nei controlli rivolti ai professionisti. Le verifiche si fanno sempre più serrate ed aumenta il raggio d'azione del Fisco alla ricerca di eventuali irregolarità o inadempienze.

Fisco, anche il telepass nei controlli sui professionisti

In termini numerici, come riporta il Sole 24 Ore, saranno più di 140mila quest'anno, i controlli programmati nei confronti delle piccole imprese, aumenteranno ogni anno di circa 10mila unità fino al 2020 quando potrebbero arrivare anche a 150mila/160mila.

Ficcanti e puntuali gli strumenti usati dal Fisco. Verranno analizzati anche i viaggi sulle autostrade con l'uso del Telepass che a volte potrebbe risultare in conflitto con il volume di affari dichiarato dallo stesso professionista. L'agenzia delle entrate inoltre vaglierà anche le cosiddette prestazioni gratuite dei professionisti che vengono fatte con la dicitura: "Rinunce al compenso" oppure "nulla a pretendere". Infine tra le armi ammesse per le controversie figurano anche le indagini bancarie.

Leggi anche:

- Conti correnti e libretti: così il fisco va a caccia di evasori

- Fisco: i debiti si potranno vedere dal bancomat

- L'occhio del fisco vi seguirà ovunque: domani il d-day

(20/03/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Paga i danni il genitore che offende l'insegnante
» Agenzia Entrate: al via il concorsone per 650 funzionari
» Nessun reato per i cani che abbaiano tutta la notte
» Si può licenziare il lavoratore in malattia?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss