Sei in: Home » Articoli

Le politiche del lavoro in Italia

La locuzione "politiche economiche" comprende il complesso di interventi pubblici finalizzati alla tutela dell'interesse collettivo dell'occupazione
donna che pensa a trovare lavoro

Dott.ssa Maria Francesca Fortino - La locuzione "politiche economiche" comprende il complesso di interventi pubblici finalizzati alla tutela dell'interesse collettivo dell'occupazione.

Le politiche economiche

Assolvono a tre principali scopi:

- Regolamentazione del mercato del lavoro

attraverso la disciplina del rapporto di lavoro, le norme sulla sicurezza e sulla salute sui luoghi di lavoro o sulla non discriminazione sindacale, politica, religiosa, etnica e di genere, la regolazione delle modalità di incontro tra domanda ed offerta di lavoro; nonché delle condizioni di controllo delle dinamiche retributive;

- Promozione dell'occupazione

attraverso la predisposizione di misure che favoriscono la capacità di inserimento professionale e lo stimolo della domanda di lavoro;

- Mantenimento e garanzia del reddito

contro il rischio della disoccupazione o della sospensione temporanea dell'orario di lavoro.

Politiche del lavoro: attive e passive

Tradizionalmente, le politiche del lavoro vengono distinte tra attive e passive; le politiche attive promuovo e favoriscono l'occupazione e l'inserimento professionale – si atteggiano quale stimolo alla domanda di lavoro, incidendo direttamente sul mercato del lavoro.

Le politiche passive tutelano il reddito dal rischio di disoccupazione totale o parziale (per sospensione temporanea dell'orario di lavoro).

Con particolare riguardo alle politiche attive, vi rientrano: i sussidi all'occupazione, la creazione diretta e temporanea di posti di lavoro, la formazione professionale, il sostegno finanziario e i servizi per la nuova imprenditorialità e i servizi per l'orientamento ed il collocamento lavorativo.

Trattasi di interventi pubblici che oltre a promuovere la piena occupabilità, tendono a migliorare le condizioni di accesso al mercato del lavoro, a stabilizzare le condizioni lavorative nonché a favorire lo sviluppo di una cultura imprenditoriale.

Rientrano, invece, nelle politiche passive le prestazioni monetarie (indennità) a favore del lavoratore esposto alla disoccupazione.

La gestione delle politiche del lavoro in Italia fino a qualche tempo fa "istituzionalizzata" è stata di recente interessata da alcuni interventi normativi, che hanno demandato anche a soggetti privati il compito di promuovere l'occupazione.

Ci si riferisce alla Legge n° 152/2011 che ha affidato ai Patronati il compito di promuovere e favorire la piena occupabilità nell'interesse dei cittadini in materia di mercato del lavoro.




(20/03/2018 - Dott.ssaMaria Francesca Fortino) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Processo Tributario Telematico obbligatorio dal 2019
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019
» Gestione Separata INPS: stop iscrizioni d'ufficio?
» Buche sul manto stradale: la responsabilità del Comune e dei conducenti

Newsletter f g+ t in Rss