Maria Francesca Fortino

Laureata in legge presso lUniversità degli Studi della Calabria con voto 109/110, consegue nel 2014 il diploma di Specializzazione indirizzo Giudiziario/forense presso la Scuola di Specializzazione per le professioni legali di Catanzaro. Partecipa al 1° corso di aggiornamento in diritto del minore e problematiche delletà evolutive del Tribunale di Cosenza. Consegue nel 2018 il titolo per liscrizione dellalbo unico nazionale del difensore del minore e delladulto.
Ultimi articoli pubblicati dall'autore Maria Francesca Fortino:

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: i rimedi alternativi al repechage
La legge 604/1966 ha conferito rilievo giuridico al profilo causale del potere di recesso datoriale, fino ad allora scevro da oneri formali

Può configurarsi la responsabilità etica dell'impresa?
La responsabilità sociale d'impresa anche detta RSI si sostanzia nell'impegno delle imprese di raggiungere il profitto unitamente alla promozione dello sviluppo, del sostegno e della solidarietà

Lavoratore rifiuta il part-time? Non può essere licenziato
Non concorre a dimostrare la sussistenza del giustificato motivo oggettivo l'indisponibilità della lavoratrice a ridurre il proprio impegno orario

Processo penale: l'assistenza affettiva e psicologica al minore
Al fine di ridurre, nei limiti del possibile, il trauma dell'impatto con il sistema giudiziario, è garantita in ogni stato e grado del procedimento penale, l'assistenza psicologica ed affettiva al minore autore di reato

Le politiche del lavoro in Italia
La locuzione "politiche economiche" comprende il complesso di interventi pubblici finalizzati alla tutela dell'interesse collettivo dell'occupazione

Esiti dell'udienza preliminare nel processo penale minorile
Quando nessuno degli epiloghi non sanzionatori dell'udienza preliminare è possibile, il Gup può procedere alla condanna anticipata del minore

Il principio di residualità detentiva nel processo penale minorile
Uno dei pricipi cardine della giustizia penale minorile è il principio della residualità detentiva che riduce la carcerazione ad extrema ratio

Lavoro: il trasferimento del dipendente è sempre possibile?
il trasferimento è sempre possibile ma vanno preferite soluzioni organizzative meno gravose per il dipendente con problemi familiari

Le misure cautelari nel processo penale minorile
In tema di misure cautelari applicabili al minore d'età, l'art. 19 del DPR 448/88 prevede espressamente che al minore non possono essere applicate misure cautelari diverse da quelle del Dpr 448/88