Sei in: Home » Articoli

Può configurarsi la responsabilità etica dell'impresa?

La responsabilità sociale d'impresa anche detta RSI si sostanzia nell'impegno delle imprese di raggiungere il profitto unitamente alla promozione dello sviluppo, del sostegno e della solidarietà
ingranaggio simbolo di business

Avv. Maria Francesca Fortino - A partire dagli anni 50' in America comincia a farsi largo l'idea che l'impresa non sia una realtà isolata, chiusa in se stessa, ma al contrario che essa costituisca un'entità che si colloca in un determinato contesto, con il quale inevitabilmente è chiamata a relazionarsi.

Ciò implica che le scelte aziendali non devono essere valutate solo alla luce dell'obiettivo dell'incremento del profitto, ma anche con riguardo a valori e obiettivi di carattere etico.

In sostanza, l'impresa non può e non deve preoccuparsi esclusivamente della massimizzazione del profitto, ma farsi carico delle interazioni che ogni attività economica genera e determina nel mercato nel quale è chiamata ad operare.

Da qui la necessità che i più tradizionali concetti d'impresa si integrino con quelli etici – di modo tale da tutelare gli interessi di quanti, a diverso titolo, vi entrino in contatto (stakeholders, consumatori, lavoratori).

Imprese: la RSI

La RSI indica, pertanto, quel modello d'azione imprenditoriale non concentrato soltanto sull'obiettivo dell'incremento dei profitti, ma orientato all'osservanza di altri valori che non si riducono, per l'appunto, nell'esclusiva valorizzazione del capitale.

Ed infatti, le imprese nella predisposizione dei piani d'azione devono tenere conto di una triade valoriale: economica – sociale – ambientale.

La RSI obbliga le imprese a munirsi di codici etici e di condotta e prevede obblighi crescenti in campo economico, legale, etico e filantropico.

Sotto il profilo filantropico, le imprese si impegnano a contribuire al benessere della comunità, mentre sotto il profilo etico, si impegnano ad agire secondo criteri etici e morali.

A favore della diffusione su larga scala della cultura etica dell'impresa, sono stati assunti diversi interventi a livello nazionale ed internazionale.

A titolo indicativo, si ricordi il Global Compact che incoraggia le imprese in tutto il mondo di promuovere un'economia sana e sostenibile che garantisca benefici estesi a tutti i membri della società.

Il Global Compact richiede alle aziende di condividere, sostenere ed applicare nella propria sfera d'azione, una serie di principi fondamentali inerenti ai diritti umani, standard lavorativi, tutela dell'ambiente e contrasto alla corruzione.

SAI 8000

A tal fine, è stato persino elaborato un indice internazionale che misura il grado etico e la responsabilità sociale dell'impresa – noto come SAI 8000.

Elaborato nel 1997 in America, consta di nove requisiti sociali finalizzati all'incremento della capacità competitiva delle imprese che forniscano prova dell'osservanza di un sistema valoriale etico durante tutto il ciclo produttivo.

In estrema sintesi, può concludersi che la valorizzazione del profitto non è più il solo ed esclusivo obiettivo delle imprese, dal momento che il suo perseguimento deve, oggi, essere associato al conseguimento di altri obiettivi.

(21/04/2018 - Dott.ssaMaria Francesca Fortino) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: l'indennità di accompagnamento non è reddito
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss