Sei in: Home » Articoli

Animali: dal 1° settembre ricetta veterinaria elettronica

L'Anmvi annuncia l'arrivo della ricetta elettronica anche per le prescrizioni di medicinali per gli amici a quattro zampe. Dal 1° settembre in vigore la legge europea, modello presentato a MilanoVetExpo
cane dal veterinario

di Redazione - Anche per Fido e Micio arriva la ricetta elettronica. Dal 1° settembre 2018, infatti, entra in vigore la legge europea che prevede la "dematerializzazione" delle prescrizioni di medicinali per gli amici a quattro zampe. Lo ricorda l'Associazione Nazionale Medici Veterinari (Anmvi), annunciando che il modello utilizzato sarà presentato in anteprima oggi a MilanoVetExpo.

Ricetta veterinaria elettronica al via

"L'obiettivo della ricetta veterinaria elettronica - afferma il presidente Anmvi, Marco Melosi - è di traslare dalla carta al digitale, di dematerializzare l'atto prescrittivo senza ulteriori obblighi, anzi semplificandolo quanto più possibile grazie alle tecnologie informatiche".

La dematerializzazione della ricetta veterinaria, inserita nell'Agenda Digitale e della semplificazione del Governo, è prevista dalla legge europea 2017 (art. 3) che modificato il Codice comunitario dei medicinali veterinari (d.lgs. n. 193/2006). Per cui, a partire dal 1° settembre 2018 tutte le prescrizioni veterinarie dovranno essere emesse esclusivamente in modalità elettronica, i dati confluiranno nel sistema informativo del ministero della Salute presso il Cns dell'Iszam.

A definire l'operatività della norma sarà un decreto del ministero della salute, che illustrerà le modalità con cui le informazioni sulla tracciabilità dei farmaci veterinari e quelle delle ricette elettroniche confluiranno nel database nazionale.

(10/03/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Seggiolini salva bebé: legge in vigore dal 27 ottobre
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019

Newsletter f g+ t in Rss