Sei in: Home » Articoli

Disdetta Fastweb: come fare

Per evitare il rinnovo automatico del contratto con Fastweb è necessario verificare cosa è stato pattuito in proposito dalle parti
uomo dubbioso circondato da punti interrogativi

di Valeria Zeppilli – I contratti sottoscritti dai consumatori con Fastweb prevedono, generalmente, il rinnovo automatico alla scadenza. Ciò, ovviamente, salvo disdetta, che va fatta attenendosi scrupolosamente a quanto previsto nelle condizioni contrattuali.

Area clienti Fastweb

A tal proposito, va detto che nel sito web di Fastweb è presente un'area clienti, alla quale è possibile accedere dopo essersi registrati, che permette di consultare tutta la documentazione relativa alle offerte attive e la modulistica messa a disposizione del cliente per effettuare la gran parte delle operazioni che ha la possibilità di compiere.

Come dare disdetta da Fastweb

Se si intende dare disdetta da Fastweb e impedire che il contratto sottoscritto si rinnovi automaticamente alla scadenza, quindi, la prima cosa da fare è quella di consultare le condizioni contrattuali sottoscritte e verificare il termine di preavviso in esse contemplato e gli eventuali adempimenti specifici successivi alla disdetta (come, ad esempio, la restituzione di apparecchiature).

Nei termini e con le modalità ivi indicate, quindi, si procederà a comunicare formalmente a Fastweb la propria volontà di disdire il contratto. La comunicazione andrà inviata con raccomandata con avviso di ricevimento e l'avviso andrà poi conservato, una volta restituito al mittente, per provare di aver inviato la disdetta nei termini in caso di contestazione.

Disdetta Fastweb: occhio a non confonderla con il recesso

Quando parliamo di disdetta Fastweb, come ampiamente detto sopra, parliamo dell'atto unilaterale con il quale il cliente impedisce che il contratto si rinnovi automaticamente alla scadenza.

Diverso dalla disdetta è il recesso e bisogna quindi guardarsi bene dal confondere i due termini, nonostante spesso nella prassi vengano utilizzati indistintamente.

Il recesso, infatti, riguarda lo scioglimento di un rapporto ancora in corso e assume dei connotati differenti a seconda che il contratto sia stato stipulato o meno a distanza o fuori dai locali commerciali.

Se, infatti, il contratto è concluso a distanza o fuori dai locali commerciali, il cliente Fastweb, come ogni altro consumatore, ha il diritto di recedere dallo stesso entro 14 giorni dal momento della stipula, senza dover addure alcuna ragione a giustificazione della sua scelta e senza essere costretto a pagare una qualche penalità.

Negli altri casi, invece, il recesso può essere esercitato nelle modalità previste dal contratto stipulato con Fastweb, rispettando i termini di preavviso e pagando le penalità eventualmente contemplate.

In tutti i casi, la comunicazione di voler recedere va comunicata a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento.

Leggi anche:

- Disdetta Vodafone: come si fa

- Disdetta Sky: come fare

- Disdetta Telecom: come fare

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss