Sei in: Home » Articoli

Cittadinanza italiana: il giuramento

Si tratta di un requisito fondamentale per divenire cittadini italiani. Ecco come e dove prestare giuramento
Uomo con mano sul cuore simbolo di verita

di Valeria Zeppilli - Per l'acquisizione della cittadinanza italiana (nei casi in cui la legge ne prevede la concessione) non è sufficiente che termini positivamente l'opportuna istruttoria e che l'autorità italiana competente emani il relativo provvedimento, ma è necessario un elemento in più: il giuramento.

Il termine per il giuramento da cittadino italiano

Infatti l'interessato, dopo aver ricevuto la notifica del decreto di concessione della cittadinanza italiana, ha sei mesi di tempo per prestare giuramento. Se tale termine decorre invano, il decreto perde la sua validità e sarà necessario presentare una nuova domanda e avviare di nuovo tutto l'iter burocratico richiesto per divenire cittadino dell'Italia.

Cittadinanza italiana: il giuramento da prestare

La formula che deve essere pronunciata è semplicissima:

"Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato".

Tuttavia, solo dopo averla recitata formalmente dinanzi a un Ufficiale dello Stato Civile si acquista effettivamente, ex nunc, la cittadinanza italiana e si può modificare la propria carta d'identità, ed eventualmente il codice fiscale, chiedere il passaporto italiano, restituire il permesso di soggiorno.

Dove prestare giuramento

Chi risiede in Italia, per prestare giuramento, deve recarsi presso il Comune di residenza, mentre chi risiede all'estero (si pensi ad esempio al caso di chi acquista la cittadinanza italiana dopo tre anni di matrimonio con un cittadino italiano) deve recarsi presso l'Autorità diplomatica o consolare italiana competente.

Cittadinanza italiana: iter e costi per giurare

Concretamente, l'iter e i costi da affrontare per il giuramento variano a seconda del Comune o dell'Autorità diplomatica o consolare di riferimento.

Sono sempre richiesti il decreto di concessione della cittadinanza italiana, il documento di identità (eventualmente anche quello dei figli) e, ove presente, il permesso di soggiorno. A questi documenti si aggiungono, poi, gli altri previsti dall'ufficio al quale ci si rivolge.

Vai alla guida: Cittadinanza italiana: chi ne ha diritto e come si ottiene

Leggi anche: Cittadinanza italiana per matrimonio

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(13/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero

Newsletter f g+ t in Rss