Sei in: Home » Articoli

Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio

La posizione di favore è stata assunta dal Notariato, che è favorevole anche alla trascrivibilità del negozio di accertamento tout court
notaio seduto alla scrivania presso il suo studio

di Valeria Zeppilli – Il Notariato, con lo studio numero 4-2017/C qui sotto allegato, si è espresso sulla questione della trascrivibilità del negozio di accertamento dell'usucapione stipulato dinanzi al notaio, tenendo conto delle novità apportate nel nostro ordinamento dall'introduzione della previsione di cui al numero 12-bis dell'articolo 2643 del codice civile.

Tale norma, infatti, ammette la trascrizione nei registri immobiliari degli accordi di mediazione che accertano l'usucapione.

Dopo aver analizzato le differenze tra negozio e sentenza di accertamento, che giustificano una diversa disciplina relativa all'opponibilità nei confronti dei terzi, gli autori dello studio hanno affermato la loro posizione di favore rispetto all'ammissibilità di un negozio di accertamento dell'usucapione a prescindere dal procedimento di mediazione.

Trascrizione: come superare le remore degli uffici

Le argomentazioni che il notariato pone a sostegno di tale tesi sono molteplici, ma ad esse si affianca anche una presa d'atto: gli uffici dei registri immobiliari sono spesso restii a trascrivere atti per i quali la trascrizione non sia prevista espressamente.

Tale prassi, però, può essere scongiurata riferendosi a un negozio diffusissimo del quale si ammette la trascrivibilità nonostante questa non sia prevista dall'articolo 2643 del codice civile. Ci si riferisce al negozio con il quale si procede all'individuazione catastale degli immobili venduti su carta riconducibile al negozio di accertamento.

Trascrivibilità del negozio di accertamento

Lo studio si occupa anche della questione della trascrivibilità del negozio di accertamento tout court, abbracciando la tesi favorevole in ragione di "alcuni dati normativi (art. 2643 n. 13 c.c. e art. 2655 c.c.) particolarmente significativi".

Notariato - studio numero 4-2017/C
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/09/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: sì all'assegno alla moglie anziana e con pensione minima
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Stalking: il reato di "atti persecutori"
» Avvocati: firmato il nuovo decreto sui compensi
» Avvocati: ecco le nuove tariffe


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF