Il Tribunale di Castrovillari approva una originale estrinsecazione dell'affido condiviso temporalmente paritetico
bambino confuso guarda figure padre madre concetto divorzio

di Valeria Zeppilli - L'affidamento condiviso temporalmente paritetico tra i genitori, che sta prendendo piede negli ultimi tempi alla luce degli orientamenti manifestati da alcuni tribunali italiani, può estrinsecarsi in diversi modi: tra di essi, quello approvato dal Tribunale di Castrovillari con decreto del 23 giugno 2017 (qui sotto allegato) che segue di poco un altro provvedimento analogo del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (leggi: "Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi").

Genitori alternati nella casa familiare

Nel caso di specie, infatti, i genitori avevano proposto una soluzione in forza della quale il minore resterebbe sempre nella casa familiare, mentre i genitori si alternerebbero nella coabitazione con il piccolo, soggiornandovi a turno e garantendo, così, una maggiore stabilità per il figlio.

Il giudice, pur prendendo atto che si tratta di un scelta non usuale nella generalità dei casi di affido, la ha comunque ratificata, ritenendola meritevole di approvazione in quanto idonea ad assicurare che il minore mantenga un rapporto equilibrato sia con la madre che con il padre, evitando che uno di essi acquisti una posizione di prevalenza rispetto all'altro. Peraltro, si tratta di una soluzione che non presenta neanche alcuna controindicazione logistica, in quanto i genitori vivono e lavorano nella medesima città in cui è situata la casa familiare, di proprietà del padre.

Niente assegno

In virtù della coabitazione paritetica dei genitori, il Tribunale di Castrovillari ha poi ritenuto che né la madre né il padre debbano versare un contributo a favore dell'altro per le spese sostenute in regione della coabitazione del minore: stante l'equivalenza dei tempi trascorsi con il piccolo, ognuno ne affronterà gli oneri naturalmente in maniera equilibrata.

La regolazione, quindi, si limita alle spese straordinarie e sanitarie, divise espressamente tra i genitori al 50%.


Si ringrazia il Dott. Marco Pingitore per la cortese segnalazione

Tribunale di Castrovillari testo decreto 23 giugno 2017

Vedi anche: L'affidamento condiviso dei figli
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(08/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile