Sei in: Home » Articoli

Maltrattamento di animali: un esempio di comportamento assolutamente ingiustificato

Per la Cassazione, colui che prende a calci un cane sostendo di essere stato morso mentre fa jogging, ma continua la corsa è perseguibile penalmente
cane triste id10209

di Edoardo di Mauro - Secondo la Corte di Cassazione, colui che mentre fa jogging intralcia un cane prendendolo a calci, risponde di maltrattamento di animali se continua imperterrito la corsa pur adducendo di aver subito un morso producendo certificato medico del pronto soccorso.

Tale certificato è irrilevante e privo di effetto di prova a discolpa, se lo sportivo continua la corsa.

Il caso in esame

La Corte di Cassazione (Ord. Cass. Pen. Sez. VII, n. 9504/2017), ha dichiarato inammissibile il ricorso di uno sportivo avverso la sentenza della Corte d'Appello di Firenze che lo condannava per maltrattamento di animali ai sensi dell'art. 544 ter c.p. per aver preso a calci durante la corsa una cane di razza yorkshire cagionandogli gravi lesioni consistite in "segni di emorragia polmonare".

Il condannato impugna la sentenza sostenendo la violazione di legge per non avere la Corte d'Appello tenuto conto ai fin probatori del certificato medico del pronto soccorso da cui si evincevano le ferite subite dal morso del cane.

In realtà la stessa Corte lo aveva condannato sulla base delle testimonianze oculari dei presenti, tra cui quella di un uomo su uno scooter che lo inseguiva con l'intento di fermarlo ed invitarlo a prendere consapevolezza della sua responsabilità.

Secondo la Corte di Cassazione, quindi, la Corte d'Appello di Firenze non ha tenuto conto del certificato medico non irragionevolmente proprio per la circostanza che lo sportivo asseriva di essere stato ferito ma in realtà aveva preso a calci il cane continuando la propria corsa.

Per maggiori informazioni e consulenza:

Avv. Edoardo Di Mauro

edodim83@gmail.com

tel. 3334588540

Edoardo Di MauroEdoardo di Mauro - articoli
E-mail: edodim83@gmail.com
Avvocato, si occupa di diritto amministrativo, penale, contratti, diritto dell'informatica ed internet.
(19/03/2017 - Edoardo Di Mauro)
In evidenza oggi:
» Divorzio: per i figli vale sempre il tenore di vita
» Cassazione: reato per chi rivela la relazione con una donna sposata
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Il valore probatorio del Cid
» Bollette più care per colpa di chi non paga: è giusto?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss