Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Il codice fiscale del condominio

Come è composto e cosa fare per richiederlo
codice identificativo contribuente per le tasse

di Valeria Zeppilli – Ogni condominio ha oggi l'obbligo di dotarsi di un codice fiscale, che, così come avviene per tutti gli altri soggetti diversi dalle persone fisiche, è formato da 11 caratteri numerici: i primi 7 che individuano il contribuente attraverso un numero progressivo, i successivi 3 che identificano l'ufficio e l'ultimo di controllo.

La titolarità fiscale del condominio

L'obbligo di dotarsi di codice fiscale è per il condominio specchio della sua titolarità fiscale.

Il condominio, infatti, per il tramite dell'amministratore è chiamato a svolgere le funzioni di sostituto di imposta effettuando le ritenute d'acconto pagate a professionisti, dipendenti e appaltatori; versando le ritenute all'erario utilizzando il modello F24; certificando ogni anno le ritenute operate durante l'anno di imposta e presentando, sempre con cadenza annuale, la dichiarazione dei sostituti (modello 770, semplificato o ordinario).

Come richiedere il codice fiscale

Il condominio, al pari di ogni altro soggetto non obbligato alla dichiarazione di inizio attività Iva che non esercita un'attività rilevante ai fini Iva, deve fare richiesta di codice fiscale rivolgendosi a un qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle entrate, indipendentemente da quale sia il domicilio fiscale.

Il modello da utilizzare è quello identificato con il codice AA5/6 e alla sua presentazione, che deve essere in duplice copia, può provvedervi sia l'amministratore di condominio che, laddove tale figura non sia obbligatoria, un soggetto a ciò delegato dai condomini.

Il modello può essere presentato anche via raccomandata in unica copia: in tal caso la data rilevante è quella di invio.

Nel caso in cui i dati comunicati con il modello AA5/6 si modifichino, il nuovo modello può essere presentato anche in maniera telematica, direttamente o tramite intermediari a ciò abilitati.

La spedizione si considera avvenuta nel giorno in cui si conclude la ricezione dei dati da parte dell'Agenzia delle Entrate, con comunicazione da parte della stessa all'utente dell'avvenuto ricevimento.

La modalità telematica è invece obbligatoria in caso di estinzione, fusione, concentrazione o trasformazione.

In allegato il modello AA5/6, il modello AA5/6 editabile e le istruzioni per la compilazione del modello AA5/6.

***

Vai alla risorsa di calcolo del codice fiscale per le persone fisiche

modello AA5/6
modello AA5/6 editabile
istruzioni per la compilazione del modello AA5/6
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/03/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF