Sei in: Home » Articoli

Matrimonio breve? Il marito va mantenuto lo stesso

Per la Cassazione, se il coniuge ha redditi inadeguati la durata dell'unione non incide sul diritto all'assegno, semmai sulla misura
coniugi divorziati che litigano per soldi

di Marina Crisafi – Due anni di matrimonio possono bastare per far scattare il mantenimento dell'ex marito che ha redditi inadeguati. Lo ha sancito la Cassazione con una sentenza pubblicata poche ore fa (la n. 275/2017 qui sotto allegata), accogliendo il ricorso di un uomo meno benestante della ex, volto ad ottenere un contributo economico al suo mantenimento.

Respinte nel merito, per via della brevità del matrimonio, durato appena due anni, le istanze dell'uomo trovano conforto davanti al Palazzaccio.

Il presupposto per il riconoscimento dell'assegno di divorzio, osservano preliminarmente i giudici di piazza Cavour, "è che il richiedente non abbia redditi adeguati e non sia in grado di procurarseli per ragioni oggettive", mentre non vi è dubbio "che il criterio relativo alla durata del matrimonio attenga al momento successivo della quantificazione", dopo che venga accertata l'inadeguatezza dei redditi. E ciò sia che tale inadeguatezza venga correlata al tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, sia che vengano in considerazione altri criteri. Del resto, la legge (art. 5 l. divorzio), non fornisce alcuna definizione in merito, proseguono gli Ermellini, che è lasciata quindi all'interpretazione della giurisprudenza.

Ha sbagliato, dunque, la Corte d'Appello ad escludere, concludono, "il diritto del ricorrente all'assegno divorzile, fondando esclusivamente la propria argomentazione sulla durata del matrimonio". E a nulla vale richiamare le sentenze precedenti che hanno ammesso l'esclusione dell'assegno solo in casi eccezionali ribadendo pur sempre che il criterio della durata del matrimonio non attiene al diritto all'assegno ma alla sua quantificazione (cfr. Cass. n. 6164/2015).

Da qui la cassazione della sentenza e la parola passa al giudice del rinvio.

Cassazione, sentenza n. 275/2017
(10/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Il credito dell'avvocato distrattario non è un credito di lavoro
» Carabinieri, concorso per 2.000 posti
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Pensioni: via la Fornero e tagli a quelle d'oro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss