Sei in: Home » Articoli

L'usucapione della servitù di passaggio con fac-simile di citazione

Ecco come è possibile divenire titolari di tale diritto reale a seguito di esercizio continuato e ininterrotto per un ventennio
Barra automatica di chiusura di un parcheggio

di Valeria Zeppilli - La servitù di passaggio è un diritto reale limitato. Essa si estrinseca nel peso che viene imposto su un fondo, cd. servente, per l'utilità di un altro fondo appartenente ad altri, cd. dominante. Tale peso, nella specie, è rappresentato dalla possibilità di transitare sul fondo servente per accedere al fondo dominante.

Costituzione della servitù di passaggio per contratto

In forza di quanto stabilito dall'articolo 1350, numero 4), del codice civile, la servitù di passaggio, di regola, va costituita per atto scritto.

Il che vuol dire, in parole semplici, che il proprietario di un fondo, che abbia necessità di transitare sul fondo del vicino per accedere al proprio, deve accordarsi con l'altro proprietario e stipulare per iscritto un contratto con il quale gli viene formalmente concessa la titolarità del diritto reale limitato in analisi.

Costituzione della servitù di passaggio per usucapione

Anche in mancanza di atto scritto, tuttavia, è possibile che la servitù di passaggio si costituisca comunque. Ciò può avvenire a seguito di usucapione del relativo diritto.

Si ricorda che l'usucapione è un modo di acquisto a titolo originario della proprietà o di un diritto reale di godimento, che avviene a seguito di possesso del bene o del diritto uti dominus, in maniera continuata e ininterrotta per un certo periodo di tempo determinato dalla legge (e talvolta con il concorso di determinati requisiti ulteriori. Vai alla guida: "Usucapione - guida legale con fac-simile di citazione").

La servitù di passaggio, più in particolare, può essere usucapita laddove, pur in assenza di atto scritto, la stessa sia stata esercitata per venti anni in maniera continuata e ininterrotta.

Usucapione della servitù di passaggio: requisiti

In realtà i requisiti richiesti per l'usucapione della servitù di passaggio, non si limitano all'esercizio ventennale del diritto nei modi sopra visti.

Oltre al protrarsi dell'esercizio del diritto di transito sul fondo servente per il predetto periodo in maniera continuata e ininterrotta, è infatti necessario provare anche che sul terreno del vicino, oggetto del transito, siano presenti delle opere permanenti, visibili, idonee allo scopo e che per almeno venti anni hanno avuto come funzione inequivoca quella del transito di persone o veicoli finalizzato all'accesso dalla pubblica via al fondo dominante o alla fuoriuscita da quest'ultimo verso la prima.

Si sottolinea che tutti questi requisiti, ove sussistenti, non trovano alcun ostacolo nell'eventuale mutamento nel corso degli anni della proprietà del fondo servente.

L'onere della prova

L'onere della prova necessaria ai fini dell'usucapione spetta, ovviamente, al proprietario del fondo dominante che intende ottenere la titolarità effettiva del diritto di servitù (ad esempio per difendersi da atti del vicino volti a negargli, improvvisamente, la possibilità di transito).

Tale prova, sulla base di quanto visto, deve avere ad oggetto:

  • il transito sul fondo altrui per un periodo almeno ventennale,

  • la sussistenza per tutto tale periodo di opere sul fondo altrui finalizzate all'esercizio del transito,

  • la visibilità e la permanenza di tali opere,

  • la loro inequivocabile destinazione all'esercizio della servitù di passaggio,

  • la loro idoneità a rendere l'esistenza della servitù percepibile e manifesta a tutti.

Insomma: ai fini dell'usucapione è necessario dare la prova che l'onere sia sopportato dal vicino da lungo tempo, in maniera continua e non occasionale.

Fac-simile citazione

Tribunale di ____________

Atto di citazione

Per ____________, nato a ____________, il ____________ e residente in ____________, via _____________________, n. ___ (C.F.________), elettivamente domiciliato in ____________, via ____________________ n. ___, presso lo studio dell'Avv. ____________ (C.F.________ - fax: ________________ - pec: ____________) che lo rappresenta e difende in virtù di mandato in calce al presente atto,

Premesso che

1) L'istante, da più di 20 anni, transita abitualmente e continuativamente sul fondo di proprietà di ____________ sito nel Comune di ____________ e così meglio identificato: _____________________________ (indicare dati catastali del bene con foglio particella subalterno etc...);

2) Tale transito è finalizzato ad accedere dalla pubblica via al fondo di proprietà dell'istante sito nel Comune di ____________ e così meglio identificato: _____________________________ (indicare dati catastali del bene con foglio particella subalterno etc...) e viceversa;

3) Il passaggio è esercitato da oltre un ventennio ininterrottamente e pacificamente, animo domini e mediante opere visibili, permanenti, inequivocabilmente destinate all'esercizio della servitù di passaggio e tali da rendere l'esistenza della predetta servitù percepibile e manifesta a tutti.

4) In particolare, sul fondo di ______________, sono presenti le seguenti opere ________________ (specificare dettagliatamente di quali opere si tratta, avendo cura di mettere in evidenza il fatto che le stesse rispecchiano i requisiti richiesti ai fini dell'usucapione).

5) Il passaggio, anche grazie a tali opere, è stato esercitato seguendo il percorso e con le modalità seguenti ______________________.

5) E' ora interesse dell'istante ottenere il riconoscimento dell'avvenuto acquisto della servitù di passaggio sul fondo di __________ a titolo originario per maturata usucapione acquisitiva.

Tutto ciò premesso, il sig. _____________, come sopra rappresentato e difeso

Cita

____________ CF:___________ residente in ____________ via ____________ n. ____ a comparire dinanzi all'intestato Tribunale, nella nota sede, Sezione e Giudice Istruttore designandi, all'udienza che ivi si terrà il giorno ____________, ore di rito, con invito a costituirsi, ai sensi e nelle forme stabilite dall'art. 166 c.p.c., nel termine di 20 giorni prima dell'udienza indicata nel presente atto, oppure di quella fissata, ai sensi dell'art.168 bis ultimo comma c.p.c., dal Giudice Istruttore con avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui agli artt. 38 e 167 c.p.c. e, inoltre, con avviso che in caso di mancata costituzione si procederà in contumacia per ivi sentir accogliere le seguenti

Conclusioni

Voglia l'Ill.mo Tribunale adito, respinta ogni avversa eccezione, accertare e dichiarare che ________________________, meglio in epigrafe qualificato, è titolare esclusivo, per maturata usucapione, della servitù di passaggio, esercitata seguendo il percorso e con le modalità di cui in narrativa, sul fondo di proprietà di ___________________, sito in _____________ e distinto al Catasto Terreni alla Partita ____________ foglio ______________ particella ______________ , per l'utilità del proprio fondo sito in _____________ e distinto al Catasto Terreni alla Partita ____________ foglio ______________ particella ______________.

Con vittorie di spese, diritto e onorari in caso di opposizione.

In via istruttoria si chiede di essere ammessi a provare per testi le seguenti circostanze di fatto:

a) vero che .......

b) vero che .......

c) ….

Indica come testi:

________________ nome e indirizzo

________________ nome e indirizzo

Si depositano i seguenti documenti:

_______________

_______________

Ai fini del contributo unificato si dichiara che il valore della presente causa è di Euro _________________.


Luogo e data ____________, ____________

Avv. ____________ (firma)


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(11/01/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF