Sei in: Home » Articoli

WhatsApp web: dal cellulare al pc i messaggi sono sincronizzati. Vediamo come usarlo anche per lavoro

Ecco come una "semplice" app di messaggistica si può trasformare in uno strumento di lavoro anche per gli avvocati
uomo elegante che mette telefono in tasca

di Valeria Zeppilli – Che whatsapp sia uno straordinario strumento di comunicazione è cosa fuori di dubbio ma esiste anche chi riesce a utilizzare questa app come strumento di lavoro.

Dai medici che possono inviare referti e immagini ai proprio pazienti, agli architetti o agli ingegneri che possono condividere immagini e progetti. La diffusione in ambito lavorativo sta diventando sempre più ampia.

Forse però la categoria dei professionisti che potrebbe trarre maggiori vantaggi dall'app è proprio quella degli avvocati, se non altro perché debbono in tutti i modi recuperare il tempo che si perde quotidianamente per via delle interminabili attese in udienza. Le lunghe file davanti al banco del giudice sono diventate un vero e proprio incubo per l'avvocatura.

Ma in che modo WhatsApp ci può aiutare ? Sicuramente se ne possono sfruttare alcune caratteristiche che appaiono particolarmente interessanti.

WhatsApp utilizza, ad esempio, uno strumento di riconoscimento vocale molto ben congegnato che può trasformare in testo tutto quello che dettiamo. Compreso la punteggiatura.

Non è difficile quindi dettare il testo di una lettera, di uno scritto difensivo oppure dettare appunti che ci potranno servire per redigere una comparsa.

Basta parlare al cellulare e WhatsApp trasforma le nostre parole in testo e a quel punto ci basterà inviare un messaggio ad altro nostro dispositivo (o a quello di un collega di studio o di un familiare) e tutto si renderà disponibile non solo sul cellulare ma anche sul PC. E questo grazie a WhatsApp Web.

Come funziona WhatsApp Web? Basta collegarsi con il proprio pc a web.whatsapp.com e mantenere acceso il cellulare. La prima volta sarà necessario aprire WhatsApp sul dispositivo mobile e selezionare dal menù la voce WhatsApp Web. A quel punto si dovrebbe attivare un sistema di scansione sul cellulare che va puntato sul QR code che appare sullo schermo.

Una volta che i due dispositivi si sono collegati, anche sul nostro PC possiamo vedere i messaggi inviati e ricevuti con WhatsApp e tutto sarà disponibile come testo anche sul nostro PC.

Insomma con WhatsApp Web qualsiasi appunto o promemoria che abbiamo dettato sarà reso automaticamente disponibile sia su mobile che su desktop. Comodo no?

Leggi anche: "Mobile: le app musthave per avvocati 2.0"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/11/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF