Sei in: Home » Articoli

Legge 104: spettano anche i premi produttività al lavoratore che usa i permessi

Per la Cassazione il trattamento da corrispondere è esattamente quello che viene corrisposto in caso di effettiva prestazione lavorativa
invalido handicap disabile

di Valeria Zeppilli – Il lavoratore che si avvale dei permessi concessi dalla legge numero 104/1992 per l'assistenza ai familiari affetti da handicap o in stato di grave infermità ha diritto a pieno titolo anche ai compensi incentivanti.

Con la sentenza numero 20684/2016, depositata il 13 ottobre e qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha infatti respinto il ricorso presentato dall'Inps al fine di far valere la legittimità del rifiuto di corrispondere a un proprio dipendente, con riferimento ai tre giorni di permesso, la parte di retribuzione connessa al raggiungimento degli obiettivi di produttività.

Già la Corte d'appello aveva sancito che i riposi ex lege n. 104/1992 possono essere equiparati ai riposi previsti per le lavoratrici madri, da considerare ore lavorative a tutti gli effetti. Di conseguenza, anche in relazione a tali permessi il trattamento da corrispondere è "esattamente quello che viene corrisposto in caso di effettiva prestazione lavorativa".

La Cassazione, confermando la pronuncia del giudice del merito, ha quindi definitivamente sancito che se il lavoratore beneficia dei tre giorni di permesso mensile per l'assistenza di un familiare affetto da handicap o in stato di grave infermità, egli ha pieno diritto ad ottenere sia la normale retribuzione che i compensi di produttività connessi a specifici progetti.

È chiaro tuttavia che tale assunto, valevole sia nel settore pubblico che in quello privato, è subordinato alla preventiva valutazione e alla verifica positiva dei risultati conseguiti.

Corte di cassazione testo sentenza numero 20684/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/10/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF