Sei in: Home » Articoli

Pensioni: niente più tagli alla reversibilità

Con circolare 178/2016 l'Istituto ha recepito la sentenza della Consulta che ha dichiarato l'illegittimità delle decurtazioni delle pensioni ai superstiti
coppia formata da uomo anziano e donna giovane

di Valeria Zeppilli – Con la circolare numero 178/2016 (disponibile quil'Inps ha recepito la sentenza numero 174/2016 con la quale la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità del taglio delle pensioni ai superstiti in caso di matrimoni contratti tra persone con differenza di età superiore ai 20 anni, una delle quali almeno settantenne. Il riferimento va all'articolo 18, comma 5, del decreto legge numero 98/2011 che ha previsto un taglio dell'importo della prestazione del 10% per ogni anno di matrimonio inferiore ai 10, comunque inapplicabile in presenza di figli minorenni, studenti o inabili.

Per l'istituto le pensioni liquidate prima di tale sentenza verranno ricalcolate d'ufficio con ripristino dell'aliquota normale del 60% ed eliminazione del taglio sancito nel 2011 a partire dal primo giorno successivo al decesso del coniuge.

I relativi ratei arretrati, poi, saranno erogati in generale a partire dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso del dante causa. L'Istituto ha tuttavia differenziato il caso in cui, nel frattempo, sia intervenuta sentenza passata in giudicato: in tale ipotesi l'erogazione dei ratei arretrati si avrà a partire dal primo giorno successivo dal mese in cui è avvenuto il passaggio in giudicato.

Per le nuove domande, invece, si procederà direttamente tenendo conto di quanto sancito dalla Consulta, così come per tutti i ricorsi pendenti: del resto a partire dal 21 luglio scorso, giorno successivo alla pubblicazione della sentenza, la norma di cui al predetto articolo 18 non può più essere applicata.

L'Istituto, insomma, ha preso atto del fatto che, per la Corte costituzionale, se si vuole limitare il diritto alla pensione di reversibilità, lo si può fare solo nel rispetto dei principi di uguaglianza, di ragionevolezza e di solidarietà.

L'ammontare degli esborsi che ora toccherà eseguire, tuttavia, non è ingente: il taglio, infatti, aveva riguardato solo poche migliaia di situazioni familiari. 



Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/09/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF