Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Eccesso di velocità: niente multa se la moglie ha le doglie

Per il GdP di Agropoli trasportare con urgenza una donna incinta in ospedale rappresenta un'estrinsecazione dell'esimente dello stato di necessità
donna incinta in auto con le doglie

di Valeria Zeppilli – La corsa in auto verso l'ospedale per dolori durante la gravidanza può avvenire a scapito del rispetto dei limiti di velocità.

Tale principio, già espresso in diverse pronunce, è stato recentemente ribadito dal Giudice di pace di Agropoli nella sentenza numero 725/2016.

Con tale pronuncia, infatti, è stata accolta l'opposizione presentata da un cittadino avverso un verbale con il quale gli era stato contestato l'eccesso di velocità su strada, rilevato tramite autovelox.

L'uomo, infatti, stava correndo verso una clinica allarmato dal fatto che la moglie, incinta, fosse afflitta da dolori forti al ventre.

Alla base della decisione vi è quanto previsto dall'articolo 4 della legge numero 689/1981 il quale stabilisce che non risponde delle violazioni amministrative chi ha commesso il fatto nell'adempimento di un dovere o nell'esercizio di una facoltà legittima ovvero in stato di necessità o di legittima difesa.

In una situazione come quella che ha spinto l'uomo a premere un po' troppo forte sull'acceleratore può infatti pacificamente ravvisarsi un'ipotesi di stato di necessità, che nel caso di specie ha oltretutto trovato conferma nella nascita del bambino che la coppia stava aspettando. Per il giudice di pace, in ogni caso, la situazione sarebbe stata la stessa anche in caso di falso allarme, pur se sul presupposto imprescindibile che la donna stesse effettivamente male e avesse dei sintomi preoccupanti alla luce della sua condizione.

Le spese di giudizio, però, sono compensate: come avrebbe potuto il Comune sapere che a bordo dell'auto sanzionata era trasportata una donna incita?

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/09/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» L'avvocato non può accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi