Sei in: Home » Articoli

Mantenimento: sì al sequestro dei beni se si teme che l'ex non pagherà l'assegno

Per il Tribunale di Perugia, l'istituto di cui all'art. 671 c.p.c. è compatibile con il giudizio di separazione personale dei coniugi
sequestro lucchetto catena

di Valeria Zeppilli – Se è palese la sussistenza del periculum in mora circa il corretto adempimento della futura obbligazione, il beneficiario di un assegno di mantenimento può legittimamente chiedere il sequestro conservativo dei beni dell'ex.

Il Tribunale di Perugia, con sentenza depositata il primo agosto 2016 e qui sotto allegata, ha infatti statuito che, senza alcun dubbio, il sequestro conservativo di cui all'articolo 671 del codice di procedura civile è compatibile con il giudizio di separazione personale dei coniugi. Con riferimento a quest'ultimo, infatti, un simile rimedio rappresenta una forma aggiuntiva di tutela e non si configura come una norma sostitutiva della tutela ordinariamente concessa dal codice di rito.

Di conseguenza, pure in assenza di inadempimento o ove non vi sia interesse a farlo valere, anche l'ex coniuge può fare ricorso alla tutela ordinaria offerta dall'articolo 671.

A tal fine, però, è fondamentale fornire la prova dei presupposti tradizionali di un simile rimedio, ovverosia la contemporanea sussistenza del periculum in mora e del fumus boni iuris.

Nel caso di specie, le richieste della donna di ottenere il sequestro conservativo di proprietà dell'ex marito trovavano sostegno nella presenza di entrambi tali requisiti.

Si pensi ad esempio, con riferimento al periculum in mora, alla circostanza che l'uomo, nell'ambito delle difese svolte nel corso del procedimento principale, aveva variamente dedotto di non essere nelle condizioni di poter adempiere al pagamento dell'assegno di mantenimento e che il mutuo per l'acquisto della casa coniugale era pagato dal padre.

Con riferimento al fumus boni iuris, invece, si pensi al fatto che la sussistenza dei presupposti per la concessione del mantenimento in favore della donna era stata valutata positivamente sia in sede di modifica delle condizioni di separazione che in esito alla comparizione presidenziale.

Per il Tribunale di Perugia il sequestro va quindi autorizzato.

Tribunale di Perugia testo sentenza 1° agosto 2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/09/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF